Il sindaco smentisce la candidatura della moglie: «Tutto falso, è solo gossip»

Roberto Bet, primo cittadino di Codognè, ha commentato le voci di una possibile candidatura della moglie Lisa Tommasella al suo posto per le prossime elezioni comunali

Roberto Bet, sindaco di Codognè

«Le voci su una possibile candidatura a sindaco di mia moglie Lisa Tommasella, riportate da "La Tribuna di Treviso", sono irrispettose e prive di alcun fondamento». A dirlo è il sindaco di Codognè Roberto Bet che, dal suo profilo Facebook, ha voluto fare chiarezza sulle ipotesi elettorali che volevano la sua consorte come futura candidata alle prossime elezioni comunali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La smentita scritta dal primo cittadino sui social sembrava irrevocabile: «Per quel che mi riguarda, in questa scelta non sarò io a decidere. La Lega, con i suoi iscritti, è sovrana. Decideranno loro in piena libertà (il nome del prossimo candidato, n.d.r)». Raggiunto telefonicamente dai nostri microfoni, il sindaco Bet ha però aggiustato il tiro rispetto al suo post, ammettendo che il nome della consorte Lisa Tommasella compare, ad oggi, tra i possibili candidati della Lega anche se la scelta finale spetterà solo alla direzione del partito e ai suoi iscritti. «Mia moglie - commenta il sindaco Bet - ha iniziato a fare politica molto prima di me. Posso confermare che il suo nome è tra i papabili candidati alle prossime elezioni comunali ma sarebbe sbagliato sbilanciarsi in ulteriori supposizioni a riguardo». In queste settimane il sindaco Bet è impegnato a portare a termine un importante percorso alla guida di Codognè che l'ha visto entrare nel mondo della politica cittadina ormai dieci anni fa. La fine del secondo mandato, durato cinque anni, si sta avvicinando ogni giorno di più e quando gli chiediamo se ha già in mente qualche progetto terminata l'esperienza come primo cittadino lui risponde serenamente: «Di sicuro vorrei prendermi un periodo di pausa perché il mestiere di sindaco sa essere molto impegnativo. Non vorrei però lasciare del tutto il mondo della politica. Se ce ne sarà l'occasione sarò pronto a mettermi di nuovo in gioco rimanendo a disposizione della nuova amministrazione comunale per consigli e suggerimenti che possano essere d'aiuto a chi guiderà Codognè nei prossimi 5 anni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

Torna su
TrevisoToday è in caricamento