Emergenza e urgenze non vanno in vacanza, appello dell’Avis: "C’è bisogno di sangue"

I donatori della Marca in soccorso di altre città in Italia. La presidente dell’Avis Provinciale di Treviso, Pradal: "I malati non hanno confini e sono carenti i gruppi A+ 0+ e 0-"

TREVISO L’emergenza-urgenza non va in vacanza. L’Avis Provinciale di Treviso lancia un accorato e forte appello a tutti i donatori di sangue della Marca a recarsi quanto prima, in tutti i giorni della settimana, nei Centri Trasfusionali e le domeniche presso le sedi della raccolta associativa per rinforzare le scorte. C'è bisogno di sangue intero, emocomponenti e piastrine. Carenti soprattutto in questi giorni i gruppi A positivo, 0 positivo e 0 negativo.

«Non vogliamo trovarci a gestire delle emergenze. Tutti potremmo avere bisogno di sangue. Come spesso capita a ridosso della stagione estiva - spiega Vanda Pradal, presidente dell’Avis provinciale di Treviso - aumenta il fabbisogno di sangue, per garantire l'attività all'interno delle nostre strutture sanitarie. Il sangue non serve solo per le trasfusioni, ma anche - prosegue - per creare farmaci emoderivati destinati a interventi di alto livello. Donare non è solo indispensabile, ma fa bene anche al donatore che in questo modo viene monitorato attraverso un check-up gratuito». Ci sono pazienti con livelli di emoglobina bassi, e non sono pochi, che richiedono attenzione massima e continue trasfusioni anche nella Marca Trevigiana. «Rinnoviamo il nostro invito a chi può donare a farlo in modo da permettere a chi ne ha necessità di “trovarlo”. E’ necessario avere delle scorte adeguate - aggiunge la presidente Pradal -, in particolare in questo periodo sia per il calo fisiologico delle donazioni, dovuto dalla stagionalità, sia per l’aumento dei politraumi legati al periodo di ferie/vacanze, che comportano interventi chirurgici e richiedono spesso il ricorso a trasfusioni, ma anche per il numero dei trapianti effettuati».

Donare il sangue è un gesto concreto di solidarietà. «Significa donare una parte di sé e della propria energia vitale a qualcuno che sta soffrendo, qualcuno che ne ha un reale ed urgente bisogno. Significa preoccuparsi e agire per il bene della comunità - afferma la presidente - per la salvaguardia della vita. Donare il sangue è un dovere civico». L’autosufficienza, provinciale, regionale e nazionale è un altro obiettivo dell’Avis Provinciale di Treviso. E per mantenerla è necessario dare continuità alla donazione. «E’ bene sempre ricordare che i malati non hanno confini. Una riserva di sangue che soddisfi non solo il fabbisogno della nostra comunità - prosegue la presidente - è quindi una garanzia per la salute di donne, uomini, giovani, vecchi e bambini».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sangue e gli emocomponenti sono un’esigenza quotidiana che diventa tragica anche nella Marca Trevigiana ogni volta che il sangue manca nell’esecuzione di trapianti e di vari interventi chirurgici, nei servizi di primo soccorso, nelle terapie oncologiche contro tumori e leucemie, nella combinazione dei farmaci plasmaderivati (chiamati non a caso anche farmaci salvavita) utilizzati per contrastare patologie importanti quali anemie croniche, emofilia, malattie del fegato, deficit immunologici o nella profilassi di infezioni come il tetano e l’epatite B. Il sangue e i suoi componenti sono quindi presìdi terapeutici indispensabili per la vita e purtroppo non sono riproducibili in laboratorio. Ciò significa che non esistono ad oggi alternative possibili alla donazione e non possiamo far appello solo sulla scienza e sulla medicina ma dobbiamo dare il nostro contributo. Per garantire l'autosufficienza, specie per i plasmaderivati, solo i donatori periodici e l’aumento di nuovi donatori, può far fronte al costante aumento del fabbisogno di sangue ed emoderivati. Il sangue umano è un prodotto naturale e non riproducibile artificialmente in laboratorio. Solo la donazione volontaria, anonima, gratuita e responsabile dei donatori ci permette di raccoglierlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento