rotate-mobile
Attualità

Emporio solidale: sembra un supermercato ma non si paga

In aumento gli utenti del Beato Enrico

Una media di 140 accessi alla settimana, più di 200 famiglie seguite nel corso del 2021. Sono i numeri del bilancio dell’anno appena concluso dell’Emporio solidale Beato Erico della San Vincenzo de Paoli di Treviso con sede in centro in via del Bagattino 2.

Un punto di riferimento importante per  il sostegno alle famiglie in difficoltà che causa la pandemia ha visto crescere il numero dei nuclei assistiti nel corso del 2021. Oltre gli utenti segnalati da due Centri di Ascolto cittadini e dai Servizi sociali del Comune di Treviso l’Emporio Beato Erico fornisce generi alimentari anche a una quindicina fra Associazioni caritatevoli, Istituti religiosi, gruppi di famiglie e a persone bisognose che si presentano occasionalmente.

All’Emporio solidale operano una quarantina di volontari (giovani e meno giovani); è aperto al pubblico tre pomeriggi alla settimana (lunedi – mercoledi – venerdi) e funziona come un piccolo supermercato dove gli utenti autorizzati, in funzione della composizione del nucleo familiare, possono fare gratuitamente la spesa. Sugli scaffali del market vengono messi a disposizione i principali prodotti alimentari, freschi  ( frutta e verdura) e confezionati, prodotti per l’igiene della casa e della persona: si stima che il valore complessivo dei beni distribuiti nel 2021 sia stato pari a quasi 245.000 euro.

Da evidenziare, sottolinea il Presidente dell’Emporio Roberto Santomaso, l’importanza del ritiro delle eccedenze alimentari da sei supermercati locali convenzionati che integrano in maniera significativa (oltre il 40%) i prodotti ricevuti come donazione dal Banco Alimentare di Verona, dalle Parrocchie, da Associazioni, da privati e quelli acquistati risultati poco più del 5%.

Lo scorso Natale a tutti gli utenti l’Emporio  ha riconosciuto una “Card” del valore di 30 euro da spendere presso un supermercato per l’acquisto di prodotti alimentari; un piccolo ma apprezzato gesto di solidarietà a favore delle persone meno fortunate.

L’Emporio Beato Erico vede il sostegno economico da parte della Regione, del Comune, della Diocesi e da privati cittadini a conferma dell’importante servizio sociale reso da questa associazione caritatevole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emporio solidale: sembra un supermercato ma non si paga

TrevisoToday è in caricamento