Stiga, a rischio 100 posti di lavoro: «Situazione preoccupante»

Giovanni Zorzi, segretario del Pd trevigiano, commenta la situazione della storica azienda di Castelfranco Veneto e lancia pesanti accuse contro le decisioni di Governo e Regione

La sede della Stiga a Castelfranco Veneto

Dopo la crisi di Stefanel, la vertenza Sirti e le notizie poco rassicuranti per il futuro di aziende come la Tessitura Monti di Maserada e il colosso dell’acciaio Permasteelisa, si registra un altro annuncio che può scuotere il mondo del lavoro nella Marca: Stiga, la storica azienda di Castelfranco specializzata nella produzione di trattorini e macchinari per il giardino, sta pensando a un piano di “ribilanciamento” che potrebbe prevedere tagli di personale fino a un massimo di 100 esuberi nei prossimi anni.

Come già successo negli ultimi mesi per gli altri casi di potenziale crisi, il Partito Democratico provinciale esprime la sua forte preoccupazione e annuncia interventi a tutti i livelli della politica. Dichiara Giovanni Zorzi, segretario provinciale: «Un tempo la provincia di Treviso era tra i territori più competitivi e intraprendenti del ricco Nordest. Oggi invece non passa giorno che non si registrino situazioni di potenziali crisi nei più importanti stabilimenti della Marca. È evidente – continua Zorzi – che ci troviamo di fronte a una fase estremamente complicata per tutta l’economia del Paese: il Pil è fermo, la ripresa è troppo debole e anche qui in provincia di Treviso siamo ancora lontani dai livelli pre-crisi di investimenti, consumi e salari. Mentre Salvini passa da un comizio ad un altro presentandosi a difesa del popolo, Di Maio non ha la minima idea di come si risolva una crisi aziendale e Zaia è tutto preso dal più volte annunciato arrivo dell’autonomia, Governo e Regione su rilancio dell’economia e difesa del lavoro sono del tutto assenti.

Riguardo alla vicenda di Stiga ­– conclude Zorzi – noi ribadiamo che siamo per la tutela dell'occupazione e auspichiamo una risoluzione condivisa tra le parti sociali che eviti trasferimenti di produzione e tagli di personale. Stiga fa parte della storia di Castelfranco e rappresenta una grande eccellenza del territorio, riconosciuta per l’innovazione e la qualità dei suoi prodotti. Qualsiasi scelta che possa mettere in discussione questo patrimonio nonché il futuro e la sicurezza di chi vi ha contribuito con il proprio lavoro deve essere valutata con grande attenzione, la stessa che come Partito Democratico, a tutti i livelli del nostro impegno istituzionale e politico, garantiremo nel monitorare gli sviluppi di questa situazione, l’ennesima in un territorio abbandonato da chi voleva esserne il fiero rappresentante».

Potrebbe interessarti

  • Male incurabile, giovane mamma perde la vita a soli 44 anni

  • Pioggia, vento e grandine: la Marca ancora nella morsa del maltempo

  • Lutto tra le colline del prosecco, addio a Fabio Ceschin

  • Sorgenti del Piave, la commissione di esperti conferma: «Sono in Veneto»

I più letti della settimana

  • Tragico frontale a Borgoricco, morto un prete di 82 anni

  • Preso a bastonate e soffocato con un cuscino: arrestate per omicidio

  • Centauro 21enne si schianta contro un'auto: è grave all'ospedale

  • Si schianta contro un'auto con la Vespa, muore 45enne

  • Malore fatale nella notte, muore una 45enne

  • Malore fatale mentre fa jogging, stroncato da un infarto a 71 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento