Quintali di eternit abbandonati illegalmente nelle risorgive del fiume Negrisia

Diversi lastroni di eternit sono stati scaricati nelle acque del fiume a poca distanza dal ponte di via Grave. Danno ambientale enorme, lastre da asportare al più presto

In foto: la risorgiva del Negrisia

E' un gesto di grandissima inciviltà quello scoperto nel comune di Ponte di Piave all'altezza della meravigliosa risorgiva del fiume Negrisia. A pochi metri di distanza dal ponte di via Grave qualcuno, nei giorni scorsi, ha deciso di scaricare in acqua quintali di lastre di eternit in una delle aree naturalistiche più suggestive della Sinistra Piave.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il fatto, segnalato da "La Tribuna di Treviso", ha suscitato grande indignazione tra i residenti. In acqua sono finiti tantissimi lastroni molto pericolosi soprattutto per le numerose specie animali che albergano nelle acque della risorgiva. I fondali, pieni di alghe verdi, sono ora stati coperti da decine di blocchi in eternit che dovranno essere rimossi il prima possibile. I costi per lo smaltimento di questo pericolo materiale sono estremamente alti, in quanto devono essere portati in discariche speciali. Si tratta di rifiuti altamente dannosi per la salute. Chi li ha abbondanati nelle acque del Negrisia ha agito di notte, arrivando molto probabilmente con un furgone e scegliendo una zona poco trafficata per abbandonare i pericolosi rifiuti. A pagarne le spese, ora, è un ecosistema che rischia di essere compromesso dall'inciviltà dell'uomo. Le operazioni di bonifica si preannunciano particolarmente complesse: l'eternit dovrà infatti essere recuperato a mano dalle acque del fiume, creando un grosso rischio anche per la salute degli addetti ai lavori di smaltimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Cade nelle acque del Sile, disperso un ragazzo

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento