Attualità Sant'Antonino / Piazzale dell'Ospedale

Farmacisti non vaccinati: prime 18 sospensioni nella Marca

Non potranno avere contatti con i clienti ma le farmacie in cui lavorano resteranno aperte. I titolari non vaccinati dovranno nominare dei sostituti, possibili nuove sospensioni nelle prossime settimane

Diciotto provvedimenti per altrettanti farmacisti non vaccinati in provincia di Treviso. In queste ore l'Ordine professionale ha notificato le prime sospensioni agli operatori che non si sono sottoposti alla vaccinazione contro il Covid-19.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", su un totale di 1.400 farmacisti iscritti all'Ordine nella Marca, sono ben 230 quelli non ancora vaccinati: è il dato più alto di tutto il Veneto. Ecco perché, nelle prossime settimane, potrebbero arrivare nuove sanzioni. I primi 18 farmacisti potranno essere sospesi o demansionati a discrezione del titolare della farmacia. Nel caso in cui sia proprio il titolare dell'attività a non essere vaccinato, dovrà provvedere a nominare un sostituto. In questo modo tutte le farmacie resteranno aperte continuando a garantire il servizio per i cittadini. I farmacisti demansionati non potranno più lavorare a contatto con il pubblico o con gli altri colleghi e gli verranno assegnate attività di segreteria o magazzino. In caso di sospensione il farmacista non vaccinato sarà allontato dal luogo di lavoro e lo stipendio gli verrà tolto almeno fino alla fine dell'anno. Infine, l'Ordine dei farmacisti di Treviso starebbe valutando, in accordo con l'Ulss 2 e l'Ordine dei medici di Treviso, di pubblicare i nominativi dei farmacisti non ancora vaccinati per consentire ai cittadini di scegliere a quale farmacia rivolgersi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Farmacisti non vaccinati: prime 18 sospensioni nella Marca

TrevisoToday è in caricamento