Tutti negativi i tamponi a ospiti e operatori, il "Bon Bozzolla" torna Covid-free

Lo scorso 10 luglio la struttura solighese era entrata in emergenza dopo l’accertamento dei primi casi, sei ospiti e due operatori

Un anziano al "Bon Bozzolla"

In poco più di un mese la struttura residenziale per anziani di Farra di Soligo vede, ospiti e personale, tutti negativi al Covid-19. L’annuncio dato dalla direzione dell’Ente dopo l’ultimo giro di tamponi ai due ospiti che ancora registravano carica virale positiva al test. Il Bon Bozzolla ritorna Covid free ma precauzioni e procedure di controllo restano all’ordine del giorno.

Ero lo scorso 10 luglio quando la struttura solighese entra in emergenza dopo l’accertamento dei primi casi, sei ospiti e due operatori. Da quel punto lo screening a tappeto su tutto il personale, i fornitori, gli ospiti e i loro familiari che accerta altri due positività tra gli anziani residenti e un operatore. Circoscritto il focolaio di concerto con l’azione mirata della Task Force dell’ULSS 2 Marca Trevigiana, il Bon Bozzolla ha immediatamente messo in quarantena gli operatori, attivato tutte le procedure e i protocolli dati dalle linee guida regionali e nazionali in materia di contenimento del contagio, costituito un nucleo Covid - separato dal resto della struttura - dove ospitare e monitorare costantemente i positivi, allestito un nucleo di isolamento per ospiti più a rischio, chiuso la struttura a nuovi ingressi e alle visite. Un grande lavoro di collaborazione tra l’Ente e l’ULSS 2 compiuto in nemmeno 24 ore.

Nelle settimane seguenti due ricoveri tra gli ospiti a causa di patologie pregresse, che portano al decesso di uno degli ospiti, il novantaseienne Lino Tonet, mentre si negativizzano i tre operatori e mano a mano anche gli altri ospiti, tutti asintomatici, fino alla buona notizia di queste ore. Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati direttamente dal personale dell’Istituto complessivamente ben 568 test a tampone sugli ospiti, 433 sui dipendenti dell’Istituto, e altri 83 su familiari e fornitori.

«Tiriamo un respiro di sollievo - dice il presidente del Bon Bozzolla, Giuseppe Bubola - ci avviamo gradualmente verso la normalità. È stato un mese di grande apprensione e di totale impegno per gestire l’emergenza e poi garantire, oltre alla salute dei nostri anziani e dei lavoratori, il meglio possibile dei servizi, al fine di dare a tutti, familiari compresi, massima tranquillità. Abbiamo ricevuto tante dimostrazioni di fiducia, solidarietà e riconoscimenti di stima - continua Bubola - e questo ci ha dato conforto e fatto grande piacere. Ospiti e familiari sono quotidianamente rimasti in contatto tra loro attraverso le videochiamate, così abbiamo mantenuto vivi gli affetti e aggiornato costantemente chi sta a casa».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Lo sforzo comune del personale e delle Istituzioni coinvolte ha avuto la meglio sul virus - aggiunge il direttore Eddi Frezza - ma dobbiamo continuare a vigilare e l’impegno su tutti i fronti resterà alto. Infatti, gli anziani negativizzati saranno ancora per qualche tempo tenuti in isolamento al fine di monitorare il loro stato di salute. Siamo cauti e verificheremo poi quando sarà possibile riprendere le visite dei familiari in sicurezza. Inoltre, anche i nuovi ingressi saranno contingentati e gestiti con tutte le tutele del caso. Ci troviamo - conclude Eddi Frezza con un preoccupazione - anche ad affrontare i rientri del personale dalle ferie, viviamo dunque, come tutte le strutture del nostro territorio, una nuova e delicatissima fase di questa emergenza che stiamo però monitorando con minuziosa attenzione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento