Si fingono avvocati del Comune e chiedono informazioni sulla tragedia del Molinetto

Domenica scorsa due uomini si sono rivolti ai volontari dell'associazione Molinetto della Croda spacciandosi per i legali del Comune e rivolgendo loro numerose domande

Sono arrivati al Molinetto della Croda domenica scorsa, durante il normale orario di visite per il pubblico. Erano in due e si sono presentati come gli avvocati dello studio legale che rappresenta il Comune di Refrontolo. Ai volontari presenti sul posto hanno fatto numerose domande tecniche sulla tragedia avvenuta il 2 agosto 2014 alla Festa dei omi. Ottenute le risposte che volevano hanno ringraziato e sono spariti nel nulla. Insospettiti, i volontari dell'associazione Molinetto della Croda hanno subito informato il Comune dell'accaduto e, solo a quel punto, hanno scoperto che i due avvocati non erano chi dicevano di essere ma due millantatori venuti per estorcere informazioni di nascosto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", la notizia ha lasciato senza parole il sindaco di Refrontolo Mauro Canal. Sugli eventi del 2 agosto 2014 è infatti ancora in corso un delicato procedimento civile. I filmati della videocamere di sorveglianza sono stati consegnati alle forze dell'ordine che si sono messe subito al lavoro per provare a risalire all'identità dei sedicenti avvocati. A di poco amareggiati per quanto accaduto anche i volontari dell'associazione Molinetto della Croda che, ogni weekend, continuano ad accogliere i visitatori dando informazioni preziose su uno dei luoghi più amati della provincia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento