Fondazione Cassamarca riceve in dono quattro nuove opere d'arte

Il pittore veneziano Dino Gavagnin ha donato quattro sue tele alla fondazione trevigiana per ricordare Monsignor Bortolan e arricchire il patrimonio dell'ente trevigiano

In foto, da sinistra l'artista Dino Gavagnin e il Consigliere Ubaldo Fanton davanti ad alcune delle tele donate

L’artista veneziano Dino Gavagnin ha donato alla Fondazione Cassamarca quattro sue opere. La cerimonia di consegna si è svolta sabato scorso a Casa dei Carraresi, al termine di una personale dell’artista dedicata a “Lumi e crepuscoli veneziani”. 

Per Fondazione Cassamarca era presente il consigliere Ubaldo Fanton. Attivo dal 1960, l’artista veneziano ha esposto in numerose gallerie e istituzioni artistico-culturali, sia in Italia che all'estero: dalla Galleria d'arte San Vidal di Venezia, città che lui ama particolarmente, alle esposizioni internazionali a Cannes e New York. Al suo attivo ha molti premi e riconoscimenti. Nel 1971 le sue opere sono state inserite nel volume “America book on Italian paitings and Sculptors”. Ha vinto  il Tetradramma d'oro”, il Premio speciale della giuria  all’“VIII Premio Città di Udine”, il XIV Premio nazionale d'Arti Figurative “Ruga Giuffa”, il Premio “Oscar dell'Arte” a Montecarlo e “Art in the world” a Rimini. Amico di monsignor Gino Bortolan, che nella sua collezione donata a Fondazione Cassamarca conservava anche una sua opera, Dino Gavagnin ha deciso di donare egli stesso una serie di opere alla Fondazione Cassamarca, per ricordare Bortolan e arricchire ulteriormente il patrimonio di testimonianze di artisti locali conservate dall'ente trevigiano. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Trovata in casa senza vita: albergatrice trevigiana muore a 63 anni

  • Allarme rosso per il livello del Piave: ordinati gli sgomberi delle golene

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

  • Maltempo, sui social insulti contro i veneti alluvionati: «Ben vi sta»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento