rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Attualità Casier / Via al Bigonzo, 1

Dosson, la foresteria compie 20 anni: «Ospiterà famiglie in difficoltà»

Nata nel 2002 come struttura per ospitare i lavoratori non residenti nella Marca e le loro famiglie. Il Comune, entrato in possesso di tutti gli appartamenti, li darà in affitto a canone agevolato

La Foresteria di Via Al Bigonzo in zona industriale a Dosson di Casier è nota per essere il primo esempio di struttura residenziale per l’ospitalità di lavoratori non residenti, ma impiegati nelle aziende del territorio. 

Promossa dall’allora Unindustria Treviso e dal Comune di Casier con un accordo siglato il 3 luglio 2002 a Palazzo Giacomelli, il cantiere era stato inaugurato nel luglio 2002 venendo completato nell’ottobre 2003. Oggi, a vent’anni di distanza, inizia una nuova storia per la struttura. La convenzione tra le due parti di durata ventennale, che viene ora a conclusione, è stata l’occasione per ripercorrere quest'esperienza di successo e delineare la destinazione futura degli alloggi, ancora funzionali. Mercoledì 21 dicembre, presso la sala consiliare del Municipio di Casier, alla presenza del sindaco Renzo Carraretto, del vicepresidente di Assindustria Venetocentro delegata al Territorio Paola Carron e del direttore generale di Assindustria Venetocentro Giuseppe Milan, sono stati spiegati i progetti futuri per la struttura. Il piano finanziario elaborato da Immobiliare Unindustria prevedeva che la struttura residenziale venisse concessa in diritto di superficie ventennale, per poi tornare nella piena disponibilità del Comune di Casier, in modo da ammortizzare i costi sostenuti (pari allora a circa un milione di euro) senza alcun obiettivo di lucro. I canoni d’affitto per le singole unità abitate, già arredate, erano stati allora fissati ad un prezzo agevolato che verrà mantenuto dal Comune nell’ottica di dare piena continuità al progetto intrapreso.

Tale iniziativa si inseriva in un più ampio progetto dell’Associazione Industriale, promosso in collaborazione con enti pubblici e organismi privati, con l’obiettivo di rendere disponibili alloggi adeguati, ad uso foresteria, da destinare a lavoratori non residenti (stranieri e non), ma assunti regolarmente nelle imprese della provincia di Treviso. A tal fine venne costituita anche un’apposita società immobiliare per seguire i progetti, sostenuti allora da una linea di credito di UniCredit attraverso una convenzione stipulata con l'associazione. In questi vent’anni gli alloggi di Via Al Bigonzo sono stati costantemente manutenuti e hanno registrato un buon tasso di occupazione. Accanto alla presenza di lavoratori non residenti, in alcuni casi con le rispettive famiglie, questi appartamenti hanno offerto temporaneamente accoglienza anche a migranti e a persone o nuclei famigliari in situazione di emergenza abitativa. Nel mese di febbraio, per esempio, Assindustria Venetocentro ha messo subito a disposizione della Prefettura gli alloggi disponibili a Dosson di Casier (come pure quelli di Roncade) per fronteggiare le eventuali necessità di accoglienza di profughi dall’Ucraina.

I commenti

«In questo periodo è particolarmente importante poter disporre di alloggi, in risposta al disagio abitativo che nel nostro territorio ha assunto dimensioni e caratteristiche tali da rendere necessarie politiche di integrazione abitativa in favore di persone in stato di fragilità economico-lavorativa - dichiara il sindaco Carraretto -. Ringrazio i precedenti amministratori per aver avviato l’opera e ringrazio l’attuale Giunta e i tecnici comunali per essere riusciti a concretizzare un progetto innovativo in supporto alle situazioni di fragilità sociale ed in continuità con quanto era già stato costruito. Ringrazio in modo particolare Unindustria (ora Assindustria) per il sostegno concreto che in questi anni ha saputo garantire anche al Comune di Casier, sia per i lavoratori delle Aziende (supportando così lo stesso tessuto aziendale) sia per alcune situazioni di emergenza abitativa: gli alloggi saranno in gestione del Comune di Casier che continuerà ad utilizzarli per offrire una risposta alle situazioni di fragilità, in particolare sul tema dell’abitare che sta diventando, ormai in tutti i comuni, un tema di grande attualità, che necessita di una grande attenzione anche politica». 

«A Dosson di Casier si è concretizzata un’importante collaborazione tra Imprese, rappresentate dalla nostra Associazione, e Pubblica Amministrazione, che è stato innovativo, lungimirante ed è stato di esempio anche nel valorizzare in modo nuovo gli spazi delle aree industriali - conclude la vicepresidente di Assindustria Venetocentro Paola Carron -. Ringraziamo l’Amministrazione di Casier che ha condiviso questo progetto e come imprenditori e come Associazione continueremo a collaborare con loro e con gli altri Comuni interessanti per promuovere nuove iniziative a vantaggio delle nostre comunità in un impegno condiviso per lo sviluppo e la competitività del territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dosson, la foresteria compie 20 anni: «Ospiterà famiglie in difficoltà»

TrevisoToday è in caricamento