menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vittorino Pavan: al Ca' Foncello la camera ardente prima dei funerali

L'Ulss 2 ha deciso di ospitare nell'ospedale trevigiano la camera ardente dell'ex primo cittadino di Treviso. Martedì 6 novembre alle 10 l'ultimo saluto nella chiesa di S. Nicolò

Martedì 6 novembre, prima dei funerali, la salma dell’avvocato Vittorino Pavan sarà esposta nella chiesa dell’obitorio dell’aspedale Ca’ Foncello. Amici, colleghi e cittadini potranno accedere dalle ore 8.30. La camera ardente rimarrà aperta fino al trasferimento del feretro nel Tempio monumentale di San Nicolò dove alle 10 saranno celebrate le esequie.

La direzione aziendale del Ca' Foncello ha disposto la camera ardente nella chiesa come segno di omaggio ad una figura storica della sanità trevigiana, a cui è legato in particolare lo sviluppo ed il progresso del nostro ospedale. Consigliere d’amministrazione già dal 1957, Vittorino Pavan è stato eletto alla presidenza dell’ospedale trevigiano nel 1965. Rimasto in carica fino al 1977, è tornato alla guida dell’ente dal 1980 al 1990 come presidente dell’allora Ulss 10. In tutti questi anni non ha mai mancato di testimoniare il suo attaccamento alla grande famiglia della sanità trevigiana. Famiglia che oggi rende omaggio alla sua memoria.

Cinzia Bonan, segretario generale della Cisl Belluno Treviso, ha voluto esprimere in queste ore il cordoglio del sindacato territoriale per la scomparsa dell’ex sindaco di Treviso Vittorino Pavan, mancato venerdì mattina all’età di 94 anni. «E’ stata una figura di grande riferimento per la città di Treviso - afferma Bonan - il nostro ricordo si sofferma sul suo contribuito, da giovane avvocato negli anni ’50, per migliorare le condizioni di tanti lavoratori mezzadri che ricercavano un riscatto, offrendo supporto alla Cisl nella risoluzione delle vertenze della mezzadria. Anni dopo, quand'era presidente della Ulss, il sindacato l’ha ritrovato come controparte, e con la categoria della Funzione Pubblica si è confrontato attivamente contribuendo al riconoscimento professionale del personale sanitario. Il suo impegno profuso verso le persone in difficoltà e la sua lealtà rimarranno per sempre nei nostri ricordi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Benetton apre a Firenze un nuovo negozio eco-friendly

  • Cronaca

    Camion finisce fuori strada, perso il carico di terra

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento