Gay Pride a Treviso: il Comune non concede il patrocinio all'evento

Decisione destinata a far discutere per il sindaco Mario Conte che ha comunque precisato come il Comune non patrocinerà nessun tipo di evento a favore o contro il Gay Pride

Il sindaco Mario Conte (Foto d'archivio)

La richiesta di patrocinio presentata dal Coordinamento Lgbte Treviso per il “Gay Pride 2019” è stata rifiutata dall'amministrazione guidata dal sindaco Mario Conte che ha deciso di non concedere il patrocinio né al Pride così come a nessun'altra manifestazione o contromanifestazione sul tema.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Pur rispettando le idee, le sensibilità e il diritto di manifestazione del pensiero degli organizzatori e dei partecipanti - commenta il sindaco Mario Conte - riteniamo opportuno perseguire una linea di equilibrio e terzietà rispetto a simili iniziative volta anche a non dare adito a sterili polemiche o a strumentalizzazioni di tipo politico. Auspichiamo comunque che tali manifestazioni si svolgano nel pieno rispetto del prossimo al di là delle reciproche e legittime posizioni su materie sociali e diritti civili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Zaia, nuova ordinanza: «Doppio tampone per i lavoratori che tornano in Veneto»

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

Torna su
TrevisoToday è in caricamento