menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Preso in giro dai compagni di classe, i genitori irrompono a scuola: denunciati

L'episodio è avvenuto nei giorni scorsi in una scuola media di Treviso. I genitori sono accusati di interruzione di pubblico servizio e minacce ai compagni di classe del ragazzino

Avevano riempito di colla una gomma da masticare per poi offrirla al loro compagno di classe che era subito corso in bagno a sputarla. Uno scherzo di pessimo gusto, avvenuto in una scuola media di Treviso nei giorni scorsi.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", quando gli insegnanti sono venuti a conoscenza dello scherzo hanno subito individuato i responsabili e li hanno rimproverati per quanto accaduto. Un provvedimento che dev'essere sembrato troppo "leggero" ai genitori dello studente, sconvolti per l'accaduto. I due hanno deciso di fare irruzione a scuola ma non hanno fatto altro che peggiorare la situazione. Mamma e papà del ragazzino hanno chiesto a un bidello di poter parlare con l'insegnante presente nell'ora in cui era avvenuto lo scherzo. Impegnata in classe, la professoressa non li riceve subito, i genitori insistono e a quel punto la prof decide di incontrarli in corridoio. Ne nasce una discussione, sempre più accesa. Alla fine i due entrano nella classe del figlio. Il papà del ragazzino, fuori controllo, si sarebbe rivolto agli studenti con queste parole: «Se lo fate ancora vi spezzo le gambe». Un bambino, colpito dall'accaduto, dopo essere tornato a casa ha raccontato tutto ai suoi genitori. La mamma, a sua volta, ha riportato il fatto ai carabinieri di Treviso che avviano le indagini sulla vicenda e convocano i genitori del ragazzino bullizzato in caserma. I due sono stati denunciati per interruzione di pubblico servizio e il papà del ragazzo dovrà rispondere anche dell'accusa di minacce a minorenni in ambiente scolastico. Un caso che ha riacceso i riflettori sulle reazioni dei genitori che irrompono nelle scuole per difendere i figli.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento