Coronavirus, sindaco su tutte le furie: «C'è troppa gente in strada»

Succede a Oderzo dove il primo cittadino, Maria Scardellato, si è schierata in difesa della Polizia locale, avvisando i concittadini di essere pronta ad alzare al massimo le sanzioni

Le belle giornate e il clima quasi estivo delle ultime ore hanno fatto registrare, nel Comune di Oderzo, un aumento delle persone che sono uscite di casa, a piedi, in bici o in auto, nonostante il Decreto del Governo sia in vigore fino al 13 aprile.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Maria Scardellato, primo cittadino del Comune opitergino, è subito corsa ai ripari pubblicando un importante avviso, giovedì 9 aprile, sulla sua pagina Facebook ufficiale: «La Polizia locale mi ha segnalato un aumento della gente che circola in strada. Non fate l’errore di uscire. Non è finita! Se abbiamo fretta di uscire rischiamo di dover ricominciare daccapo. Dobbiamo assolutamente rimanere ancora a casa. Mi spiace ma se sarà necessario chiederò al Comandante di alzare al massimo le sanzioni». Apriti cielo: il commento del sindaco ha suscitato decine di commenti e reazioni, provocando più di qualche malumore tra i cittadini. Il culmine è stato raggiunto quando al sindaco è stato riferito di alcuni atteggiamenti polemici, sfociati addirittura negli insulti, nei confronti della Polizia locale intenta nell'attività di controllo. A quel punto è scattato un secondo avviso alla cittadinanza in cui Scardellato si è schierata apertamente a sostegno dei vigili urbani. «La Polizia locale sta facendo un lavoro straordinario di informazione, sensibilizzazione, controllo e, quando questo non è sufficiente , anche di repressione. Per questo importantissimo lavoro, per il quale i vigili sono sempre in servizio, rischiando anche il contagio, tutti dovrebbero ringraziare. Invece, perfino in queste circostanze, c’è qualcuno senza coscienza che pretende di fare quello che vuole e di avere ragione, che contesta pesantemente oltre l’evidenza, fino ad arrivare all'insulto. Non intendo permetterlo. Esprimo tutta la mia stima e il mio sostegno ai vigili ed esprimo i miei ringraziamenti per la loro dedizione al lavoro. Oltretutto se qualcuno volesse ancora sostenere l’idiozia della volontà di “fare cassa” , sappia che tutte le sanzioni che vengono date per la trasgressione delle misure di contrasto alla diffusione del Coronavirus, non rimangono in Comune ma vanno in Regione a sostenere le spese sanitarie». Ad oggi sono 533 le persone controllate dalla Polizia locale, 51 le multe da 400 euro notificate a cittadini non in regola e 378 gli esercizi commerciali controllati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Male incurabile, il sorriso di mamma Liliana si spegne a 47 anni

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

  • Malore fatale, operaio trovato morto in casa a 42 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento