Femca Belluno Treviso, Gianni Boato eletto Segretario generale

Venerdì 18 dicembre l'elezione. Trevigiano, 44 anni, Boato succede a Nicola Brancher, al timone della Federazione moda, chimica ed energia di Belluno e Treviso

Gianni Boato

«L’impatto della pandemia sul comparto della moda è stato duro, con cali del fatturato che si attestano attorno al 30%, ma con una strategia a lungo termine che preveda uno sforzo congiunto da parte di imprese e lavoratori, con l’utilizzo degli ammortizzatori sociali e la riduzione dell’orario di lavoro si potranno evitare i licenziamenti e recuperare i numeri pre Covid».

Ne è convinto Gianni Boato, eletto venerdì 18 dicembre, Segretario generale della Femca Cisl Belluno Treviso, che raccoglie 4.404 iscritti fra le province di Treviso e Belluno. Succede a Nicola Brancher, al timone della Federazione della moda, della chimica e dell’energia dal 2010 ed eletto lo scorso 13 novembre Segretario confederale. «Ringrazio tutti - ha detto il dimissionario Brancher ai delegati collegati in videoconferenza al Consiglio generale - l’attività sindacale è una parte importante delle nostre vite, spero che il mio impegno abbia lasciato qualcosa in ogni singolo delegato. Sarà una grande squadra a guidare la categoria». Trevigiano, classe 1976, laurea in Scienze della società e del Servizio sociale, Gianni Boato ha iniziato il suo percorso sindacale nel 2001 con la Filca Cisl, quando è stato chiamato a seguire alcune aziende del mobile del Quartier del Piave. Nel 2006 è entrato in Femca, seguendo dal 2008 al 2013 molte ristrutturazioni aziendali, chiusure e fallimenti soprattutto nell’ambito del settore tessile e calzaturiero. Nel 2013 è stato eletto nella Segreteria della Federazione, dove dal 2017 ricopre il ruolo di Segretario organizzativo. Fortissima fin da giovane la vocazione per il sociale, sfociata in anni di collaborazione con la Caritas sia di Treviso che del Nord Est. Con quest’ultima ha partecipato a un progetto di ricostruzione di due villaggi in Kosovo, dopo la guerra.

Lo sguardo del neo eletto Segretario è già rivolto al post Covid: «Ringrazio il Consiglio generale per la fiducia che mi ha accordato - afferma Boato -. Il mio impegno sarà massimo per affrontare una crisi inattesa anche per molte aziende delle province di Treviso e Belluno, in particolare nell’occhialeria, nel tessile/calzaturiero e in alcune aziende della gommaplastica. Non voglio sentir parlare di esuberi: sono convinto che si possano mettere in campo strategie diverse per garantire la continuità occupazionale e tornare a livelli pre-crisi, rendendo anche strutturali alcune prassi organizzative imposte dalla pandemia, come lo smart working, ma anche il potenziamento dell’e-commerce, che in alcune aziende ha registrato performance del +400%. Continuando a utilizzare gli ammortizzatori sociali, riducendo l'orario di lavoro e praticando lo smart working con regole definite attraverso la contrattazione aziendale, si potrà avviare una ripresa graduale ma efficace mantenendo i posti di lavoro». Fondamentale per Boato sarà poi riprendere al più presto le trattative per il rinnovo dei contratti nazionali, importante leva per riattivare un circolo positivo dei consumi. «Mentre il contratto dell’occhialeria è stato da poco rinnovato e c’è un’ipotesi ormai sottoscritta per gommaplastica e ceramica - spiega Boato - non si può dire lo stesso di altri contratti come quelli del settore tessile, scaduto a marzo, dell’industria calzaturiera e delle lavanderie industriali, scaduti oltre un anno fa. Rinnovare i contratti significa dare più potere salariale ai dipendenti, leve importanti per far ripartire i consumi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Corre in strada nuda e insanguinata: i residenti chiamano la Polizia

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento