menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Treviso ricorda: le storie simbolo di un anno di pandemia

La nostra città ha pagato un tributo altissimo con oltre 1600 decessi, nel giorno del ricordo ripercorriamo alcune storie trevigiane sia di lutto che di speranza

Il bollettino quotidiano è quello di una guerra: da oltre un anno combattiamo con il "nemico invisibile", eppure feroce, del virus Sars-Cov-2, che continua a mietere vittime, nonostante l'inizio della campagna vaccinale anche in Veneto. I numeri dei morti nella nostra regione sono raccapriccianti: circa 10.300. Dall'inizio dell'emergenza sanitaria La Marca ha pianto ben 1621 decessi. I dati Istat: nel 2020 il numero di morti in provincia è cresciuto del 16%, 1300 in più della media degli anni precedenti. Il Veneto ha fatto registrare 359.000 ammalati Covid.

Oggi Giornata Nazionale delle vittime del Covid, il Veneto piange i suoi morti. E' stato un anno terribile, per la comunità trevigiana, abbiamo vissuto restrizioni, la paura, il dolore per i cari venuti a mancare e l'apprensione per chi soffre. Ricordiamo tutte queste persone attraverso alcune testimonianze.

Le storie trevigiane

Amava il volo e la vela -Pino Massa ex militare in servizio a Istrana, sui social raccontava la sua lotta contro il virus, vittima del Covid a 75 anni. Su Facebook scriveva: «Ce la farò», ma non ce l'ha fatta: ricoverato in ospedale a Montebelluna a fine ottobre ha perso la sua battaglia contro dopo un mese di ricovero. Aveva 75 anni.

L'alpino - Castelfranco Veneto piange la scomparsa di Mario Guizzon, cognato di Tina Anselmi, mancato sabato 6 marzo al Covid hospital di Vittorio Veneto, dov'era stato ricoverato insieme alla moglie Maria Teresa, anche lei positiva al tampone.

L'albergatore - All'ospedale di Conegliano, si è spento a 75 anni Luigino Salvador, storico gestore dell'Hotel Villa Soligo di Farra. Quella che era inizialmente partita come una passione legata alla ristorazione nei primi anni '90 si era poi trasformata in un vero e proprio mestiere tanto che nel 1998 decise di prendere le redini della bellissima e prestigiosa villa storica del XVIII secolo.

"Tuben" - Francesco Buffon era un vero e proprio simbolo per il borgo di Cison di Valmarino. La sua scomparsa improvvisa a soli 59 anni ha lasciato un grande vuoto nell'intera comunità locale. Una enorme passione per l'idraulica, non c'era conduttura idrica o tubo che a Cison non abbia la sua firma.

Chiudiamo questa triste lista con una nota di speranza

Il Guarito -  L'ex sindaco di Treviso, Giovanni Manildo ha potuto riabbracciare la famiglia. «Sono tornato a casa, felice ed emozionato. Un ringraziamento con tutto il cuore agli operatori sanitari, infermieri, fistioterapiste e medici tutti. Persone che ci mettono passione e lo trasmettono. Prima di questi 11 giorni in ospedale non avevo idea di come fosse questo virus subdolo e pericoloso e di tutta la forza e passione messa in campo dai nostri ospedali». Con queste parole l'ex sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, ha voluto ringraziare tutte le persone che gli sono state vicine durante il ricovero all'ospedale Ca' Foncello. Febbre alta e difficoltà respiratorie i sintomi che hanno colpito Manildo, ma lui ha combattuto e vinto la malattia.

Il sindaco infermiere - Il primo cittadino di Asolo, Mauro Migliorini, lavora nel reparto di Rianimazione dell'ospedale di Montebelluna.
«Dopo i primi casi registrati in Veneto temevo che la situazione si sarebbe potuta aggravare. Avevo parlato con la mia famiglia della possibilità di mettere in pausa l'incarico di sindaco per dedicarmi a tempo pieno al lavoro come infermiere. A metà marzo è arrivata la chiamata dell'Ulss 2 e ho iniziato a prestare servizio nel reparto di Rianimazione dell'ospedale San Valentino a Montebelluna. E' stato come tornare a casa. Avevo già lavorato in passato per questo reparto ed era stata una delle esperienze professionali più importanti della mia vita, così come gli ultimi due mesi vissuti in piena emergenza.

-Come si è svolto il lavoro nel reparto?
«Devo dire che questo virus mi ha sorpreso: prima di tutto per la sua complessità assistenziale. Non è una banale influenza, colpisce molti organi del nostro corpo e necessita di cure lunghe e impegnative sia per il paziente che per chi deve metterle in pratica. Tutte le persone ricoverate sono arrivate in ospedale con febbre alta e grandi difficoltà respiratorie. Una delle tecniche adottate per aiutarli è stata quella della "pronazione". Metterli a pancia in giù per farli respirare con più facilità. Fondamentale anche il lavoro dei fisioterapisti che hanno consentito ai pazienti una prima riabilitazione già durante il periodo di ricovero in reparto. Tantissime le storie che si sono succedute nelle scorse settimane. Ricordo, tra le tante, qualla di una ragazza di 23 anni riuscita a guarire con successo dal virus. La cosa che più mi ha colpito però è stata un'altra. Quasi nessuno dei pazienti che stavano per essere dimessi dal reparto di Rianimazione ricordava il periodo del loro ricovero. Avevano memoria solo di quando avevano iniziato a stare male ma non gli sembrava possbile di aver contratto il virus ed esserne guariti».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento