menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Oltre settecento studenti veneti ricordano le vittime di mafia

Toccante celebrazione con gli studenti delle scuole trevigiane nel capoluogo di Marca. La Giornata è stata un'occasione di incontro e riflessione per ben quattordici istituti del territorio

Grande partecipazione alla Giornata dedicata al ricordo delle vittime delle mafie, organizzata a Treviso nella giornata di martedì 19 marzo e idealmente collegata a quella che si svolgerà il prossimo 21 marzo a Padova.

Protagonisti di questa giornata sono stati oltre 700 studenti, provenienti da 14 scuole del Veneto, coinvolti nel corso dell’anno in una serie di incontri con i familiari delle vittime di mafia, con testimoni di giustizia, rappresentanti delle associazioni e delle Istituzioni. Incontri che hanno acceso in loro l’interesse e la volontà di approfondire la storia e i percorsi di alcune fra le oltre mille vittime innocenti di mafia, che saranno ricordate il 21 marzo a Padova e in altrettante piazze d’Italia. La volontà di coltivare la memoria si è trasformata in impegno, un impegno trasmesso dai progetti presentati dagli studenti nel corso della giornata. Il disegno, la musica, il canto e il ballo – in due parole, l’arte e la cultura – unite alla creatività dei ragazzi hanno fatto vivere ai presenti momenti di forte emozione e sincero coinvolgimento.

IMG_6245-4

Presenti alla Giornata il sindaco di Treviso, Mario Conte; il Prefetto di Treviso, Maria Rosaria Laganà; il Vicepresidente del Consiglio regionale, Bruno Pigozzo; l’Assessore regionale alla Cultura e alla Sicurezza, Cristiano Corazzari; il Coordinatore regionale di Avviso Pubblico e Sindaco di San Donà di Piave, Andrea Cereser; la Coordinatrice provinciale di Avviso Pubblico e Vicesindaco di Carbonera, Giulia Casarin. Ha presentato la giornata il Coordinatore nazionale di Avviso Pubblico, Pierpaolo Romani. Con loro numerosi rappresentati delle forze dell’ordine, ai quali è stato assegnato il Premio “Legalità e Sicurezza”, per essersi contraddistinti nel campo del contrasto alle mafie, all’usura, alle truffe verso gli anziani e per la tutela del made in Italy. Dopo la premiazione a scaldare il cuore dei ragazzi è stato il messaggio video di Umberto Ambrosoli, figlio di Giorgio Ambrosoli, il commissario liquidatore della Banca Privata Italiana vittima di mafia. A seguire studenti e studentesse insieme ai loro insegnanti e ai rappresentanti delle Istituzioni e delle Forze dell’Ordine hanno letto i nomi di tutte le vittime innocenti delle mafie, quelli di cui sappiamo solo il nome e i tanti dei quali non abbiamo ancora conoscenza in un momento molto toccante. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento