Gli esseri umani generatori di un'estinzione di massa 

L'estinzione di una specie, genera una reazione a catena inarrestabile e seriamente preoccupante

La Terra è ora nel mezzo di un'estinzione di massa, la sesta nella storia del pianeta. Le specie si stanno estinguendo centinaia o migliaia di volte più velocemente del tasso atteso, così come dichiarato dai ricercatori; ad avvalorare la tesi, la scoperta che vede l'estinzione come causa di effetti a catena in un ecosistema, lasciando altre specie vulnerabili allo stesso destino. 

"L'estinzione genera estinzioni"

Con il ritmo accelerato della distruzione, gli scienziati si apprestano capire questi fragili frammenti di vita, un’azione questa vista come ultima possibilità di studiare e salvarli.

I risultati evidenziano anche, come la vita possa interagire in modi inaspettati e quanto sia difficile rallentare la distruzione ecologica una volta iniziata. È simile al cambiamento climatico; una volta che va a rotoli, diventa sempre più difficile riprenderlo in corsa. L’aspetto drammatico, sta nel fatto di non poter sapere quali siano effettivamente i limiti, il punto di non ritorno, e questo, assume tratti spaventosi.

Vale la pena fermarsi a riflettere sul significato di "estinzione": una specie completamente e per sempre persa. Ognuno è un evento irreparabile, quindi l'idea che non si stiano solo verificando più frequentemente, ma che potrebbe anche suscitare ulteriori estinzioni correlate, è sorprendentemente drammatico. Queste estinzioni hanno conseguenze per l'umanità, dalle perdite di impollinatori critici che fertilizzano le colture, a predatori assenti che altrimenti terrebbero sotto controllo gli animali che diffondono le malattie.

Centinaia di animali sono sull'orlo dell'estinzione nei prossimi due decenni

C'è un'enorme biodiversità sulla terra in questo momento. Il numero di specie - uccelli, alberi, felci, funghi, pesci, insetti, mammiferi - è maggiore di quanto non sia mai stato nell'esistenza di 4,5 miliardi di anni di questo pianeta.  A l contempo significa anche che c'è (abbiamo) molto da perdere.

Molteplici specie sull'orlo dell'estinzione (significa che meno di 1.000 individui della specie, sono rimasti in vita) e se non viene fatto nulla per proteggerle, la maggior parte si estinguerà in meno di 20 anni.

Perdere una specie in pericolo, può mettere in pericolo molte altre

Le specie in bilico sull'orlo della perdita eterna, vivono spesso accanto ad altre specie in pericolo, anche se sono presenti in numero maggiore. Le specie sull'orlo del baratro, fungono quindi da forti sirene della possibile più grande minaccia per altre vite nei loro dintorni. Man mano che le specie all'interno di uno stagno, una foresta o uno spartiacque muoiono, presto ne seguono altre a ruota.

In molti casi, le specie interagiscono in modi complessi e spesso imprevisti che non vengono riconosciuti e colti, fino alla loro scomparsa. Ad esempio, se un insetto che si nutre di piante muore, le piante che mangia potrebbero dilagare e soffocare altra vegetazione. Nel frattempo, gli uccelli che si nutrono dell'insetto, potrebbero essere senza un'importante fonte di cibo. Ogni cambiamento successivo, potrebbe avere una miriade di altri impatti su specie distanti, attivando una reazione a catena senza sosta, propagandola sua onda, fino a quando l'ecosistema è difficilmente riconoscibile.

Gli scienziati, hanno osservato per decenni questo tipo di increspature negli ecosistemi in luoghi come la foresta pluviale amazzonica, osservando cosa è avvenuto e le dinamiche correlate, quando le specie si sono estinte in una determinata area o quando un habitat si è fratturato.

Quando gli ecosistemi si degradano o collassano, gli umani perdono molte funzioni della natura che danno per scontate, come le foreste che generano precipitazioni per le falde acquifere o le mangrovie che proteggono le coste dall'erosione. Molti vertebrati terrestri, ad esempio, sono fondamentali per la diffusione dei semi degli alberi, che in assenza di essi, potrebbero trasformarsi in modi non prevedibili.

Anche se rimanesse una prateria, una foresta o un deserto meno diversificati, sarebbero più vulnerabili a shock, come incendi e condizioni meteorologiche avverse. Diversi ecosistemi fungono da tamponi contro gli estremi ambientali e, senza di essi, gli esseri umani dovranno affrontare più rischi di fenomeni come ondate di calore senza vegetazione per raffreddare l'aria, oppure potrebbero subire più inondazioni costiere senza mangrovie per assorbire le onde.

Quando gli esseri umani si avvicinano ad aree un tempo selvagge, affrontano maggiori rischi di esposizione a minacce, quali malattie trasmesse da animali, incendi e inondazioni. Quindi i costi economici e sanitari delle estinzioni in fuga, potrebbero essere immensi.

Gli umani sono il problema e gli umani la soluzione

Nel 2019, la piattaforma di politica scientifica intergovernativa delle Nazioni Unite sulla biodiversità e i servizi ecosistemici (IPBES), ha pubblicato un enorme rapporto di 1.500 pagine sulla biodiversità globale. Il rapporto ha concluso che fino a 1 milione di specie sono a rischio di estinzione, tra cui il 40%di tutte le specie di anfibi, il 33% di coralli e circa il 10%di insetti.

Il tema unificante tra i vari studi sulle estinzioni, fa cadere la colpa su un unico imputato indifendibile: gli umani.

Attraverso la distruzione di habitat, la diffusione di malattie, l'allevamento di bestiame, lo scarico di rifiuti, il sovra sfruttamento, la pesca eccessiva e il cambiamento climatico, i 7,5 miliardi di esseri umani su questo pianeta, sono diventati la loro forza promotrice primaria della distruzione.

Non siamo in alcun modo semplicemente parte dell'ecosistema globale, viviamo in un mondo ampio, come specie dominante e causa prima dell’estinzione.

È vero che le specie si estinguono naturalmente, ma il tasso di estinzione ora è migliaia di volte superiore al tasso di background previsto. Può essere difficile capire se un organismo è scomparso come conseguenza diretta dell'attività umana o perché una specie da cui dipendeva, è stata spazzata via dalle persone, ma entrambi i tipi di perdite, derivano dall'umanità. Non possiamo facilmente invertire la tendenza, ma possiamo imparare il più possibile nel tempo da ciò che abbiamo arrecato.

Tuttavia, il fatto che l'attività umana stia guidando la stragrande maggioranza di queste estinzioni, significa che il cambiamento dell'attività umana può aiutare a respingere le specie vulnerabili dall'annientamento.

Le politiche di conservazione, si sono già dimostrate efficaci nel contrastare alcune perdite permanenti, persino stimolando il recupero di diverse specie, come l'aquila calva. Abbiamo ancora tempo? Salvare ciò che resta, richiederà un'azione concertata e il tempo per agire sta per scadere.

Poiché gli umani stanno causando la maggior parte della distruzione che sta causando le estinzioni, gli umani possono cambiare il loro comportamento in modo da proteggere la vita. Uno dei passaggi più efficaci che le persone possono utilizzare per proteggere le specie in pericolo, è quello di proteggere gli ambienti in cui vivono, proteggendoli da miniere, perforazioni, sviluppo selvaggio e inquinamento.

Possiamo sicuramente fare la differenza, perché perfettamente in grado di rallentare il ritmo di estinzione, costruendo “corridoi” per il collegamento di ecosistemi frammentati, creando aree contigue più grandi. Ciò può consentire alla sinergia tra le specie, di crescere e costruire un ecosistema più resiliente e in grado di resistere meglio alla scomparsa di una specie, ripristinando quelle in declino.

Le minacce a così tante specie, sono state costruite per anni e non possono essere invertite dall'oggi al domani, servirà uno sforzo di conservazione globale sostenuto, per proteggere i pochi preziosi esseri e riportarli alle moltitudini che una volta nuotavano, volavano e camminavano sulla terra.

La minaccia è totale e investe anche noi. Invertire la rotta si può, ma la scadenza è limitata nel tempo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento