rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
Attualità Centro / Borgo Camillo Benso Conte di Cavour

Da Treviso un Hack Fest per trovare nuovi progetti digitali di promozione turistica

Il contest di idee ha l’obiettivo di far germogliare progetti per la creazione, valorizzazione e promozione del territorio veneto

Dalla Marca un progetto per dare il via ad una nuova era di turismo a “passo di persona”. Questo l’obiettivo del contest di idee e progetti Hack Fest “Piccole Patrie” che punta a trovare soluzioni innovative per il turismo esperienziale e di comunità. Lanciato da Crescita APS, in collaborazione con Rinascita Italia, SIMTUR, SharryLand SB e ACT Travel, l’hackathon segue le “Piccole Patrie” del programma nazionale che ridisegna le geografie turistiche italiane a partire dalle esperienze e dall'identità dei territori. In programma il 7 novembre, dalle 10 alle 18, nella nuova “Palestra Digitale” del Museo Bailo di Treviso, l’hack ha l’obiettivo di far germogliare idee e progetti per la creazione, valorizzazione e promozione del territorio veneto. Il bando per candidare i propri progetti è disponibile sul sito www.venetoexperience.eu e, successivamente, una giuria qualificata sceglierà i migliori progetti da invitare poi all’evento organizzato in Borgo Cavour.

Il bando dell’hackathon è aperto a tutti i veneti (soprattutto sviluppatori, designer e creativi), prevede l’invio dei lavori entro il 31 ottobre e la possibilità di partecipare sia come singoli che in team. Al termine dell’hack i tre migliori progetti saranno premiati e realizzati con un supporto strategico, formativo e tecnologico per un controvalore pari a 2.500 euro. Altri sette, invece, saranno comunque valutati per il sopralluogo di certificazione della loro “Piccola Patria”. Alla presentazione del progetto, avvenuta martedì mattina a Palazzo Rinaldi, erano presenti il direttore della Fondazione Marca Treviso Alessandro Martini, la presidente dell’Associazione Comuni della Marca Mariarosa Barazza, Cristina Magoga quale direttrice della rete Rinascita Italia e Luigi Alberton come referente di SharryLand.

Nel dettaglio, il progetto “Piccole Patrie” vuole individuare le migliori soluzioni per rilanciare il settore turistico nella fase post-pandemica, favorendo l’incontro tra domanda e offerta di beni e servizi unendo il settore pubblico a quello privato, il tutto tramite l’utilizzo della tecnologia. Ulteriore obiettivo sarà poi quello di creare valore economico e sociale per le comunità locali valorizzando i talenti attraverso il “digital storytelling” per il marketing turistico. Secondo gli organizzatori, infatti, per dare maggior visibilità alle eccellenze del territorio è necessario destagionalizzare gli arrivi e favorire la transizione digitale anche nel commercio e nell’artigianato. Proprio per questo il programma intende accompagnare operatori culturali e turistici nella creazione di ecosistemi integrati di servizi ed esperienze anche orientati all’inclusione e all’accessibilità, proiettando così il Paese verso forme di economia condivisa e sostenibile, oltre che di turismo circolare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Treviso un Hack Fest per trovare nuovi progetti digitali di promozione turistica

TrevisoToday è in caricamento