menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La premiazione

La premiazione

Il regista trevigiano Marco Pavan ha vinto il concorso Bei Doc

La giuria, presieduta da Moni Ovadia, ha scelto il documentario "Tutto è scritto" per la forza espressiva e la maturità linguistica con le quali ha mostrato aspetti fondamentali e sottaciuti del pensiero islamico

Il 36° Bellaria Film Festival parla veneto: il regista trevigiano Marco Pavan ha vinto il concorso Bei Doc con il documentario “Tutto è scritto”, realizzato nel 2018 in Mali. La giuria, presieduta da Moni Ovadia, lo ha scelto “per la forza espressiva e la maturità linguistica con le quali ha mostrato aspetti fondamentali e sottaciuti del pensiero islamico come la cultura, la bellezza e la responsabilità nei confronti della grande eredità del sapere. Un fraseggio filmico profondamente incisivo”. A Marco Pavan va il premio per il miglior documentario del festival (3000 euro).

Da quest’anno il BFF è diretto dal produttore teatrale, musicale e cinematografico Marcello Corvino. 18 i film in gara (selezionati tra 93 proposte) che hanno dovuto focalizzare i temi dell’articolo IX della Costituzione Italiana (La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione). Il festival è suddiviso nei concorsi Bei Doc (vinto da Marco Pavan), dedicato a lavori di qualsiasi formato con durata massima 90 minuti, Bei Young Doc (per documentaristi Under30) e Doc con la migliore colonna sonora.

Tutto è scritto, Marco Pavan (2018 – 23’) Bei Doc. Prodotto da Fabrica e Imago Mundi Art. è l’intenso racconto del viaggio degli antichi manoscritti, centinaia e centinaia di migliaia di tomi conservati nelle biblioteche di Timbuctù, che sono stati trasportati a dorso di mulo e su piroghe fino a Bamako, mille chilometri più a Sud, per essere salvati dalla furia dell’integralismo islamico. Realizzato in Mali a febbraio 2018, testimonia lo straordinario rapporto di rispetto e protezione che, oggi più che mai, lega questo popolo del deserto a un patrimonio di tutta l’umanità messo in pericolo dall’oscurantismo fondamentalista.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento