rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Attualità

Inaugurata la Festa dei marroni di Combai 2021

Inaugurata questa mattina, alla presenza di numerose autorità, la 77^ edizione della rassegna. Un ritorno alla normalità. Scarsa la produzione di marroni a causa della grandinata di maggio.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Con il classico taglio del nastro, è stata inaugurata questa mattina la 77^ Festa dei Marroni IGP. Un’edizione che è tornata in presenza, dopo la pausa forzata dello scorso anno, andata in onda, si fa per dire, in forma ridotta e a distanza, con le rostidore giganti che per la prima volta dopo decenni erano rimaste ferme. Quest’anno la manifestazione è ritornata quasi alla normalità, a iniziare dalla cerimonia di apertura con tanto di autorità: “E’ davvero una gioia trovarsi di nuovo qui - ha esordito Maria Vittoria Moro, presidente della Pro Loco di Combai - ed è una grande soddisfazione poter accogliere i visitatori e i turisti, che ogni anno numerosi arrivano nel nostro paese per degustare i piatti a base di marroni e per godere di questo splendido territorio, dei suoi boschi, dei suoi panorami mozzafiato”. Il sindaco di Miane, Denny Buso, ha posto l’accento sulla determinazione dei volontari che, superando le difficoltà del momento e le restrizioni imposte dalla normativa vigente, hanno saputo predisporre un’edizione in linea con i desideri delle famiglie, pensando a passeggiate, pic-nc, giochi, e con quelli degli appassionati della vita all’aria aperta, con passeggiate ed escursioni guidate alla scoperta del territorio, nonché con i desideri di quanti ricercano il piacere della tavola, con le degustazioni, alla riscoperta dei piatti della cucina tradizionale veneta a base di prodotti tipici locali, marroni in primis.

Per Giovanni Follador, presidente regionale UNPLI, la Festa dei Marroni è l’emblema di una comunità, e con i suoi settantasette anni di vita racconta la storia di Combai: “Una manifestazione che parla di un prodotto d’eccellenza, ma anche del territorio al quale si lega indissolubilmente”. Tra le autorità presenti, i consiglieri regionali Tommaso Razzolini, Sonia Brescacin e Marzio Favero, rappresentanti delle amministrazioni comunali contermini, della Provincia di Treviso, oltre alla senatrice Sonia Fregolent e alla parlamentare Angela Colmellere. Luigi Buogo, presidente dell’associazione dei produttori dei marroni IGP, nel suo intervento ha fatto il punto sull’attività castanicola: “Purtroppo - ha spiegato - la produzione quest’anno è molto scarsa a causa della terribile e devastante grandinata del 19 maggio scorso, che ha colpito Combai danneggiando irreparabilmente i germogli dei castagni. Per fortuna l’area di produzione, che va da Segusino a Vittorio Veneto, non ha subito danni e dunque siamo riusciti a compensare. Il prodotto è sempre ottimo. Solitamente l’area produce dai 300 ai 400 quintali di marroni l’anno; la Festa di Combai ne consuma circa 100. I soci sono all’incirca 200. L’associazione promuove, la cooperativa Agricombai raccoglie e vende”.

Prossimi appuntamenti: Venerdì 22 ottobre dalle 10 alle 17 BoscArt, installazioni artistiche in località Calpiana. Ore 19:30 escursione guidata sotto le stelle e alle 20 cena con galletto alla brace e marroni. Sabato 23 ottobre dalle ore 10 BoscArt; ore 14 apertura Fantastica via, ore 14:30 passeggiata nel bosco con raccolta di marroni. Ore 18 La rostidora d’oro, competizione per il miglior cuciniere di marroni presso il ristorante Biss Badaliss. Domenica 24 ottobre, ore 9 passeggiata in compagnia di Giovanni Carraro lungo il sentiero del Verdiso. Ore 12 pic-nic al parco di Comby. Ore 13:30 apertura del punto panoramico di degustazione di marroni e vin novo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurata la Festa dei marroni di Combai 2021

TrevisoToday è in caricamento