Incontro “Cittadini & Sanità insieme per affrontare le pandemie"

Un incontro con esperti per riflettere sul tema delle pandemie, dell’importanza della prevenzione e della sicurezza sanitaria. Ne discuteranno mercoledì 07 ottobre alle ore 17 nella sede di Preganziol dell’Ulss 2 Francesco Rocco di Cittadinanzattiva Treviso, il virologo Roberto Rigoli con il filosofo politico Giuseppe Goisis; previste anche testimonianze di persone che hanno operato in questa fase di Covid-19.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

La narrazione pandemica dice che mediamente ogni due anni virus e batteri contagiano migliaia di persone nel mondo. La diffusione attuale del Covid-19 ha avuto ed ha una virulenza forte, mentre il contrasto ad essa sarebbe inadeguato ed insufficiente. Se ne discuterà mercoledì pomeriggio 7 ottobre a Treviso nella sede di Preganziol dell’Ulss 2 Marca Trevigiana (Strada Terraglio n.58, Preganziol - ex sede PIME) durante l’incontro organizzato da Cittadinanzattiva Treviso sul tema “Cittadini & Sanità insieme per affrontare le pandemie. Più prevenzione e sicurezza per continuare a vivere”. Interverranno in qualità di relatori il prof. Giuseppe Goisis (filosofo politico, già professore all’Università Ca’ Foscari di Venezia), il dott. Roberto Rigoli (Direttore di Microbiologia e Virologia dell’ospedale Ca’ Foncello-Ulss 2 Marca Trevigiana), moderati da Francesco Rocco di Cittadinanzattiva Treviso, l’associazione che si occupa dei diritti delle persone.

A causa delle limitazioni contro il Covid-19, saranno pochi i posti disponibili in sala; chi lo desiderasse potrà comunque seguire l’incontro da remoto, sulla piattaforma digitale https://meet.google.com/dvk-fjrk-uzu (aprendo Meet con il codice: dvk-fjrk-uzu). Dopo il confronto con i tre esperti, sono previste le testimonianze concrete di Luigi Colusso (medico e psicoterapeuta), di Giuseppe Possagnolo (presidente dell’impresa sociale cooperativa Castel Monte di Montebelluna) e di Daniele Mazzon (presidente della Consulta Provinciale degli Studenti di Treviso). Il racconto della loro esperienza sarà il valore aggiunto di questo incontro. Colusso perché conosce bene il mondo degli anziani e della sofferenza legata a malattia e lutti; Possagnolo per la sfera socio-sanitaria spiegherà l’attività con le ambulanze all’interno delle Ulss e altri servizi di accudimento e presa in carico delle persone messi in atto dalla cooperativa Castel Monte anche nel tempo della quarantena; mentre Mazzon della Consulta degli Studenti potrà narrare il punto di vista dei più giovani, spesso accusati dall’opinione pubblica di irresponsabilità e menefreghismo.

Il giornalista Mattia Losi del "Il Sole 24 ore" nel suo recente libro “La prossima pandemia” ha scritto “che la domanda non è se, ma quando?". Secondo lui, infatti, "l'arrivo della nuova pandemia è una certezza. Come sarà, e quando dovremo affrontarla, è invece impossibile da prevedere. Eppure, dobbiamo prepararci a farlo: subito". La sintesi della Babele di opinioni (troppe e molto spesso inutili) ha definito due punti comuni: prevenzione e cura. Ma su questo, al di là di dichiarazioni d'intenti, spesso non si è andati. Siamo ancora alla ricerca di una soluzione (o più soluzioni) idonea a questo. Per tale motivo, tutti dovremmo aumentare la prevenzione per incrementare i livelli di sicurezza.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento