Via il semaforo con il photored: verrà costruita una rotonda

Ottima notizia per gli automobilisti di Villorba. Il photored all'incrocio di Viale della Repubblica sarà rimosso. Ancora segreto il nome della ditta che costruirà la nuova rotonda

L'incrocio di Villorba (Foto d'archivio)

Addio alle multe con il photored al semaforo tra viale della Repubblica e via Fontane nel Comune di Villorba. Un'ottima notizia per i tanti automobilisti che, in questi mesi, sono stati stangati dall'occhio elettronico posizionato sopra l'incrocio.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", nelle prossime settimane il semaforo verrà rimosso per lasciare spazio a una nuova rotonda. La decisione è frutto di un accordo, ancora da firmare, tra il Comune di Villorba e una ditta privata il cui nome, per il momento, resta top secret. Il Consiglio comunale, nelle scorse ore, ha approvato anche una variante al piano degli interventi che apre le porte ad altre due nuove rotatorie: una sulla Pontebbana, davanti all’ex Mondial, con una bretella che si collegherà con via Selghere, nella zona del Palaverde e un'altra rotonda nel centro di Catena, al posto dell’incrocio tra via Postioma e via Marconi, all'altezza dell’auditorium Mario Del Monaco. A tutto ciò si aggiunge il progetto per altre 2 rotatorie da costruire nei prossimi mesi, una al posto dell’incrocio con via Montegrappa e l’altra al posto di quello con via Selghere. Cinque nuove rotatorie per rivoluzionare del tutto la viabilità nel Comune trevigiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento