COVID-19: individuato l'inibitore che traccia la strada di attacco al virus

Usando la cristallografia a raggi X, i ricercatori hanno rivelato la struttura della proteasi principale SARS-CoV-2, progettando un inibitore per legarsi a questo bersaglio e prevenire la replicazione virale

Come parte degli sforzi continui per rispondere alla pandemia COVID-19 causata dal virus SARS-CoV-2, i ricercatori hanno utilizzato la cristallografia a raggi X per rivelare la struttura della proteasi principale SARS-CoV-2 (SARS-CoV-2M pro ) e cioè, uno dei bersagli farmacologici meglio caratterizzati tra i coronavirus. Hanno usato queste informazioni, per identificare un composto che si lega e inibisce la proteasi nei topi. 

Gli scienziati tedeschi affermano che il loro studio potrebbe guidare il miglioramento del design degli inibitori per combattere il nuovo coronavirus, un passo verso terapie urgentemente necessarie per combattere la pandemia globale. Questo studio, fornisce un quadro utile utile per lo sviluppo degli inibitori contenenti piridone verso i farmaci anticoronavirali. Gli scienziati, si sono concentrati su questa proteasi, grazie al suo ruolo nell'elaborazione delle polipoteine ​​tradotte dall'RNA virale. 

Basandosi sullo studio della struttura della proteasi principale, i ricercatori hanno ottimizzato gli inibitori dei coronavirus esistenti per sviluppare il composto 13b, un potente bloccante della proteasi principale SARS-CoV-2. Usando le strutture a raggi X di SARS-CoV-2 senza il ligando, hanno studiato il suo complesso con un inibitore dell'α-chetoammide derivato da un composto precedentemente progettato ma con il legame ammidica P3-P2 incorporato in un anello piridonico per migliorare il mezzo- vita della molecola nel sangue. 

Il ricercatore capo Linlin Zhang e colleghi hanno scoperto che una struttura ad alta risoluzione di 13b si legava alla proteasi e bloccava la replicazione dell'RNA virale. Riferiscono che 13b, ha caratteristiche che migliorano rispetto agli inibitori esistenti, inclusa un'emivita prolungata nel plasma sanguigno. 

Hanno inoltre testato il loro principale composto inibitore nei topi, scoprendo che l'inalazione era ben tollerata e che i topi non mostravano effetti avversi. I ricercatori suggeriscono che, poiché non sono note proteasi umane con una specificità di scissione simile, è improbabile che questa classe di inibitori sia tossica.

Il team suggerisce che i loro risultati mostrano che, la somministrazione diretta del composto nei polmoni potrebbe essere possibile e fornire un quadro per lo sviluppo di farmaci per combattere il nuovo coronavirus. 

I risultati sono favorevole e la strada tracciata per poterlo debellare, è tracciata con estrema positività.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

  • Scivola e batte la testa dopo un volo di 13 metri: muore a 21 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento