rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Attualità Asolo

Quando il soggiorno diventa educativo: un successo l'iniziativa per diabetici dell'Ulss 2

Ben 90 tra pazienti e famigliari hanno partecipato, a Fiera di Primiero (TN) ad un modo umanizzante per spiegare il diabete

“E’ un risultato che mette l’accento sul percorso virtuoso di umanizzazione delle cure e sul grande valore delle nostre associazioni di volontariato. Mi riferisco al periodo di soggiorno che ha visto ben novanta persone insieme, tra malati famigliari, che ha organizzato l’associazione Diabetici della Castellana che rappresentano assieme alle altre due associazioni di Montebelluna e della Pedemontana una ricchezza dal valore inestimabile”. Francesco Benazzi, direttore generale dell’Ulss 2 Marca trevigiana sottolinea con queste parole il connubio virtuoso tra l’Uosd diabetologia dell’Ospedale San Giacomo di Castelfranco Veneto diretta da Loris Confortin e l’Associazione Diabetici della Castellana presieduta da Graziella Gallinaro: “Una maniera umanizzante di spiegare il diabete!”.

L’appuntamento, di una settimana, la ventesima edizione, si è svolto a Fiera di Primiero (TN). “Si è trattato di un soggiorno educativo per persone con diabete, familiari e amici quale ottimo momento di conoscenza, condivisione e cultura della materia – ha sottolineato il dr. Confortin – L’Ulss 2 Marca trevigiana ha garantito il personale per l’assistenza in tutto il periodo del soggiorno e per la didattica in quanto gli organizzatori hanno programmato una serie di seminari davvero interessanti. Il risultato straordinario è stata la presenza di ben 90 partecipanti”. Si sono alternati, con interventi interattivi, la dott.ssa Anna Pisacane (Educatrice Professionale) che ha tenuto una relazione sulla “ Prevenzione delle infezioni nel paziente diabetico: importanza dell’igiene”, la  dott.ssa Alice Bissacco  (Psicologa- Psicoterapeuta)  ha parlato  di “Diabete tra moglie e marito”, la dott.ssa Scotton Rachele (Diabetologa) ha tenuto una relazione su “ Diabete si…ma di che genere”, la Dott.ssa Novella Favaro (Dietista) ha parlato de “I piatti della nostra tradizione”, infine il dott. Narciso Marin ha tenuto la relazione “Perché il diabete”.

Il dott. Confortin ha concluso i  lavori con “Cosa ci ha trasmesso il Soggiorno Educativo”, commentando i risultati dei questionari specifici, su gradimento e comprensione, compilati  all’inizio e fine del Soggiorno. Grazie alla costante presenza della dott.ssa Pisacane, della dott.ssa Bissacco e del dott. Confortin, le sedute scientifiche sono state giornalmente alternate ad attività identificate come “Mo(vi)mento Benessere “con attività fisica, training autogeno e passeggiate assistite, fortemente apprezzate dai partecipanti. Non sono poi mancati momenti di svago e di riposo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quando il soggiorno diventa educativo: un successo l'iniziativa per diabetici dell'Ulss 2

TrevisoToday è in caricamento