Attualità

Covid, il Dg Benazzi: «Ricoveri in calo, ma aumentano i contagi nelle scuole»

«Al momento siamo vicini alla fascia gialla dei ricoveri Covid, ma ci preoccupano i dati sui contagli tra gli studenti: oggi, infatti, abbiamo decine di classi in quarantena in tutta la Marca»

«Ad oggi i ricoveri Covid sono in lenta ma costante discesa (-13), mentre le province di Padova e Venezia in tal senso procedono più spedite. Questo, comunque, ci permette di avere liberi a Treviso 24 posti letto al Ca' Foncello e 18 al San Camillo. Se poi guardiamo alle terapie intensive, ad ora abbiamo "solo" 29 postazioni occupate e altre 16 solo libere. Buoni anche i risultati della percentuale di ricoveri Covid sul totale (Covid+non Covid): complessivamente, infatti, in una settimana siamo passati dal 20,3% all'attuale 12,86%. Nello specifico, Treviso ad esempio si assesta poco sopra il 10%, Oderzo intorno al 12%, Vittorio Veneto al 92% (ma qui incide il fatto che l'ospedale locale è un Covid Hospital) e Castelfranco Veneto allo 0,2%. Insomma, ci stiamo avvicinando all'auspicata fascia gialla tra ricoveri e contagi». A dirlo, mercoledì mattina, è il Direttore Generale dell'Ulss 2, Francesco Benazzi.

A preoccupare però Benazzi sono le scuole sul territorio: «Ad oggi abbiamo preso 61 provvedimenti in merito a casi di contagio scolastico, di cui 16 riguardano le scuole superiori della Marca, e per questo devo dire che, dalla riapertura degli istituti, i casi sono triplicati, tanto che ci sono 23 classi in quarantena a Treviso e 7 sia nel Distretto di Asolo che in quello di Pieve di Soligo. Ciò detto, oggi siamo comunque a 124 contagi ogni 100 mila abitanti, questo sia a causa della riapertura delle scuole che dei contagi avvenuti tra colleghi nelle aziende. Ci sono poi dei comuni peggiori di altri in termini di contagio e questi sono: Pieve del Grappa, San Zenone degli Ezzelini, Fonte, Moriago della Battaglia, Fontanelle, Chiarano e Cessalto. Se invece guardiamo al caso dei sanitari positivi in tutta l'Ulss 2, oggi questo dato è sceso a soli 12 casi e tra persone non vaccinate».

Benazzi è poi intervenuto in merito alle vaccinazioni: «Oggi abbiamo ricevuto 22.230 dosi Pfizer (tanto che entro sera faremo già 1.300 richiami tra i Vax Point di Godega, Riese e Villorba), mentre domani ne arriveranno 2.300 di Astra Zeneca. Giovedì, invece, arriveranno altre 4.300 dosi di cui 3.160 di Pfizer e metà di queste verranno adoperate per i dovuti richiami. La notizia però più importante, almeno per oggi, è che sabato partiremo con un nuovo Vax Day dedicato agli over 80 che ancora non abbiano avuto la prima dose e che non abbiano già preso appuntamento - continua il Dg dell'Ulss 2 - Si tratta di 7.782 persone totali teoriche, il 12,6% formato dai ritardatari, mentre il 36,8% della categoria ha già comunque ricevuto la seconda dose. Per l'occasione, anche sabato l'accesso sarà libero con le consuete modalità legate all'anno e mese di nascita. Inoltre, anche questa volta saranno i sindaci a chiamare personalmente gli interessati a casa, soprattutto per contattare le circa 600 persone allettate che verranno vaccinate anche nella giornata di domenica (insieme a 1.100 pazienti oncologici) grazie all'operato di circa 100 tra medici, operatori sanitari e medici di base. Concludo ricordando che lunedì verrà riaperto il portale per la prenotazione vaccinale, questa volta per la categoria nel range di età 70-79 compreso l'eventuale accompagnatore over70».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, il Dg Benazzi: «Ricoveri in calo, ma aumentano i contagi nelle scuole»
TrevisoToday è in caricamento