menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Preganziol, siglata l'intesa tra Comune e sindacati per il 2019

Nell'incontro Amministrazione comunale e rappresentanze sindacali hanno affrontato in particolare i bisogni degli anziani e il sostegno alle fasce economicamente più fragili

È ormai prassi consolidata quella che vede l’amministrazione comunale di Preganziol e le parti sociali incontrarsi annualmente per verificare l’agire amministrativo nel considerare proposte e margini di miglioramento relativamente al benessere sociale della comunità, dello sviluppo sostenibile, della salvaguardia del territorio dell’ambiente e della salute.

Alla presenza del sindaco Paolo Galeano e della delegazione sindacale composta da Paolino Barbiero, Maurizio Busso, Baggioli Franco (per SPI CGIL), Sneder Scotton, Antonio Bidinotto, Andrea Misericordia (per Fnp Cisl), Mario Tozzato (per Uilp Uil) si è svolto martedì 5 marzo l’incontro nella sede municipale. L’amministrazione ha chiarito che nell’anno 2018 non vi è stato alcun taglio ai servizi per i cittadini e tutti i progetti attivati negli anni precedenti avranno continuità anche per tutto il 2019. Questo anche alla luce situazione economica positiva sia in termini di riscossioni sia di gestione delle spese. E che grazie all’avanzo di amministrazione è stato possibile estinguere una buona parte dei mutui arretrati dando così respiro alle casse comunali. Un quadro che ha inoltre permesso l’aumento dell’esenzione dall’addizionale Irpef comunale dai 10.000 ai 12.500 euro, sollevando dall’imposizione fiscale complessivamente 1.633 contribuenti e accogliendo parte della richiesta avanzata dalle Parti Sociali di portare la soglia fino ai 15mila euro di reddito annuo. L’amministrazione ha poi confermato un fondo di 70mila euro a sostegno delle famiglie economicamente più deboli ma anche la programmazione di altri interventi di welfare territoriale come: il fondo a sostegno delle famiglie con Isee inferiore a 16.500 euro destinato ai ragazzi in età compresa tra i 14 e i 19 anni che frequentano la scuola superiore per l’abbonamento al trasporto pubblico, il fondo di 45mila euro per la promozione delle attività sportive nel territorio anch’esso rivolto ai ragazzi al fine di praticare lo sport gratuitamente.

Il Comune concorda sull’iniziativa di raccolta firme promossa dai sindacati dei pensionati, e indirizzata alla Regione Veneto in materia di Sanità-area anziani, finalizzata ad aumentare il numero delle impegnative di residenzialità che permettono l’accesso in convenzione ai Centri di Servizi (dato che le quote assegnate alle varie Ulss sono inalterate da anni e risultano insufficienti rispetto al numero di posti letto nelle strutture), ridurre i tempi e le liste di attesa per la scheda di valutazione Svama, concordare una modalità unica di certificazione e di detrazione della quota sanitaria delle rette dei Centri Servizi per contrastare le disuguaglianze nel territorio. Su questo tema si evidenzia l’interesse del Comune che ha costituito un fondo di 35mila euro in aiuto delle famiglie in difficoltà nel pagare la retta della casa di riposo e di predisporre una mappatura degli anziani soli e il monitoraggio del fenomeno della solitudine intercettando i familiari e i vicini di casa. Anziani che come confermano i dati presentati dai Sindacati sono cresciuti di 793 negli ultimi 10 anni, mentre diminuisce di 244 la popolazione attiva in età compresa tra i 15 e i 64 anni e di 298 i giovani tra 0 e 14 anni. Infine, soddisfazione da parte di amministrazione e sindacati per la risoluzione dell’annoso problema del cambio di linea d’autobus nella tratta Venezia-Treviso, che ora non subisce più l’interruzione a Preganziol. «Come quella trevigiana tutta anche quella di Preganziol è una popolazione che progressivamente invecchia - spiegano le rappresentanze provinciali dei sindacati dei pensionati - alla luce di questa tendenza è bene riflettere con attenzione rispetto alle risposte da dare oggi ma anche nel prossimo futuro in termini di assistenza e di tenuta sociale». «Il percorso di confronto e interazione fra amministrazione comunale e sindacati si è sviluppato e rinsaldato in questi anni e da questo lavoro sono scaturite politiche sempre più attente sia alle necessità della nostra comunità, in particolar modo quelle delle fasce più bisognose, che al miglioramento degli standard dei servizi erogati sul territorio in favore della popolazione (trasporti, sanità, sociale…): il lavoro fatto è sotto gli occhi di tutti ed ha portato a migliori servizi, alla riduzione della pressione fiscale sui cittadini ed alla realizzazione di numerose opere sia per la sicurezza del patrimonio e del territorio che per la ciclabilità dello stesso» ha concluso il sindaco Paolo Galeano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento