menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agli studenti dell'IPSIA Galilei il Premio Areté per il progetto "Beauty hunters...Drones"

Il 2 ottobre alle 16, all'Università Bocconi Milano, verrà consegnato il premio al Prof Pauletto e ai suoi studenti per il progetto "Droni cacciatori di bellezza". Il Premio è giunto alla 16ma edizione ed è organizzato da Nuvolaverde con Confindustria, Abi, Gruppo Sole 24 Ore, Sky, Terzocanale ReteEconomy

CASTELFRANCO VENETO La rivoluzione digitale è il presente. Lo sanno bene gli studenti all’Ipsia Galilei di Castelfranco che, grazie al progetto "Beauty hunters...drones" (Droni cacciatori di bellezza) portato avanti dal prof. Daniele Pauletto, si addentrano nelle sale dei musei, negli interni di ville d’epoca così come di altre realtà architettoniche per descrivere con una visione insolita bellezze senza tempo impiegando minidroni inoffensivi di solo 300 grammi.

Sfida impegnativa visto che progettare un video con i droni è come lavorare a dare forma ad una scultura. Ci vuole un bozzetto (la sceneggiatura); modellare la figura (le riprese videofotografiche); ottenere una prima forma (il montaggio); la rifinitura (le musiche). Poi si ottimizza il lavoro di squadra. A seconda delle necessità delle riprese si può andare da un team dai 5 ai 12 soggetti. Ognuno perfeziona ciò per cui è più portato. Ovviamente per la sceneggiatura deve pensarci una persona già esperta in materia. "In ogni luogo, quindi, ci appoggiamo a chi queste realtà le conosce (proprietari di ville, direttori di Musei, etc.), ma poi sono gli stessi ragazzi che si distribuiscono i compiti - dichiara il prof. Pauletto - Chi si occupa della logistica (quando facciamo le riprese c’è un’antologia infinita di curiosi che ci si accalcano attorno complicando anche un po’ il nostro lavoro); chi della parte tecnica (anche i droni si possono inceppare); delle riprese. Infine del montaggio e tutto il resto. Qui coinvolgiamo tutti, dalla prima alla quinta classe, chiedendo consigli e suggerimenti sul lavoro svolto. Bisogna dire che, in questi casi, l’occhio critico degli studenti è molto efficace. Il sorprendente effetto di questi mezzi sta nel trasformare giovani millenians in entusuasti cacciatori di bellezza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento