Fiaticorti: 539 cortometraggi in gara per la 20esima edizione del festival di Istrana

Venerdì 8 novembre prenderà il via la tradizionale rassegna a Ca’ Celsi ad Istrana, quattro appuntamenti settimanali mentre venerdì 29 novembre si terrà la serata di premiazione al Cinema Teatro dell’Aeroporto militare di Istrana

La premiazione con il sindaco Gasparini

Si è chiusa con numeri di assoluto rilievo la partecipazione al celebre festival, organizzato dal Progetto Giovani del Comune di Istrana (Treviso): il 40 per cento dei lavori proviene dall’Italia mentre il resto dall’estero: è rappresentato tutto il mondo, 52 paesi dall’Argentina agli Stati Uniti, dall’Australia alla Cina. Venerdì 8 novembre prenderà il via la tradizionale rassegna a Ca’ Celsi ad Istrana, quattro appuntamenti settimanali che prevedono la proiezione dei cortometraggi in gara, l’analisi e il talk con il pubblico, mentre venerdì 29 novembre si terrà la serata di premiazione al Cinema Teatro dell’Aeroporto militare di Istrana.

Sono 539 i cortometraggi iscritti quest’anno a Fiaticorti*, festival internazionale del cortometraggio promosso dal Progetto Giovani del Comune di Istrana (Treviso) che quest’anno festeggia i primi 20 anni, confermandosi nel proprio settore la manifestazione più longeva della provincia di Treviso e del Veneto (con Circuito Off), nonché uno dei primi festival dedicati alla “pellicola corta” a livello nazionale e oggi tra i più conosciuti e ambiti in Italia. I lavori in gara quest’anno rappresentano davvero tutto il mondo: se il 40 per cento giunge dall’Italia, il restante 60 per cento ha una provenienza internazionale. Sono rappresentati tutti i continenti e ben 52 paesi, dall’Argentina a Spagna, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada, Cile, Cina, Stati Uniti, Colombia, Corea del Sud, Croazia, Francia, Egitto, Finlandia, Inghilterra, Germania, Giappone, Grecia, India, Indonesia, Iran, Islanda, Israele, Ucraina, Russia, Kosovo, Lituania, Lussemburgo, Messico, Nepal, Norvegia, Olanda, Palestina, Perù, Polonia, Portogallo, Irlanda, Kazakhstan, Serbia, Singapore, Slovenia, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Taiwan, Turchia, Venezuela, Vietnam.

Un’edizione eccezionale per i vent’anni del Festival che riporterà ad Istrana alcuni fra i registi più affezionati, come Marco Berton Scapinello, Christophe Saber, Rubin Stein, Luca Zambolin e Lendita Zeqiraj e i corti più premiamiti del panorama internazionale, tra i quali spiccano All these cratures di Charles Williams, Palma d’oro a Cannes nel 2018 come miglior cortometraggio, e Inanimate di Lucia Bulgheroni, nastro speciale ai Corti d’Argento 2019. Un lungo lavoro di selezione ha permesso alla direzione artistica di identificare le 22 opere che verranno proiettate durante la rassegna, che si svolgerà a Ca’ Celsi ad Istrana nel mese di novembre e comprenderà quattro date: venerdì 8 novembre, venerdì 15 novembre, venerdì 22 novembre e sabato 23 novembre (quest’ultima sarà la serata FiatiVeneti, dedicata a cortometraggi veneti).

A selezionare i vincitori sarà la giuria presieduta da Marco Falagiani, compositore da oscar con la colonna sonora di Mediterraneo, che ha regalato alla musica italiana successi intramontabili come Gloria, Ti amo, Rose Rosse, Ci vorrebbe il mare, Gli uomini non cambiano, Cosa resterà degli anni ottanta, e ha vinto il Festival di Sanremo nel 1992 con Non amarmi, brano ripreso anche da Jennifer Lopez & Marc Anthony che ha venduto oltre 8 milioni di copie, e nel 1994 con Passerà.

Al fianco di Falagiani, Aberto Rizzi regista veronese vincitore di Fiativeneti nel 2016 con Sleeping wonder e ora nelle sale italiane con il suo primo film Si muore solo da vivi con Alessandro Roja, Alessandra Mastronardi, Neri Marcorè, e Alessandro Cinquegrani, ricercatore di letteratura comparata all’Università Cà Foscari di Venezia e critico cinematografico per riviste di settore come “Duel”, “Itinerari mediali”, “Filmcronache” e “Scenari”.

La ventesima edizione si concluderà venerdì 29 novembre con la proclamazione dei vincitori delle sezioni Fiaticorti, Fiaticomici e FiatiVeneti, a cui si aggiunge il Premio Miglior interprete Fiaticorti. Il concorso è realizzato con il patrocinio della Regione Veneto e della Provincia di Treviso e in collaborazione con Associazione Vertigo, Pro Loco comunale di Istrana, 51° Stormo dell’Aeronautica militare. Fiaticorti rientra nel circuito RetEventi della Provincia di Treviso. *Fiaticorti è stato istituito nel 2000 sull'onda di un'opportunità nascente, girare video 'home made': una scelta lungimirante se si pensa a quanta strada è stata fatta in questa direzione (dai video girati con i telefoni cellulari al videogiornalismo partecipativo).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma l'identità del festival, fedele a quella del classico cineforum anni Settanta, è sempre rimasta la stessa, con la volontà di trasmettere la cultura e la passione per i cortometraggi, scegliendo di non affiancare eventi collaterali di diverso genere. Non solo, Fiaticorti dall'edizione 2011 ha assunto anche una valenza pedagogica: durante le serate di rassegna il pubblico non assiste soltanto alla visione dei cortometraggi, ma partecipa ad un vero e proprio laboratorio di analisi cinematografica volto a valorizzare gli aspetti espressivi, stilistici e contenutistici, che talvolta – soprattutto da parte di un pubblico meno esperto - possono non essere colti. Tale approfondimento favorisce uno scambio di opinioni e valutazioni tra il pubblico in sala, la giuria e gli organizzatori. Nel 2018 hanno partecipato 277 opere, provenienti da 25 paesi del mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus, scomparso storico commerciante di ricambi d'auto

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • Coronavirus: sette morti nella Marca, cinquanta in terapia intensiva

Torna su
TrevisoToday è in caricamento