Studenti dell'Itis Planck creano la web app della scuola

Matteo Zamuner, Mattia Pra e Matteo Grazioso programmano un'applicazione per cliccare i servizi internet della scuola sul telefonino

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Il sito internet della scuola non è a misura di telefonino? Ci pensano gli studenti. Matteo Zamuner, Mattia Pra e Matteo Grazioso, di classe quinta dell’Itis Planck, sono gli ideatori e realizzatori di una delle prime App di istituto, un’applicazione che rende immediato l’accesso ai servizi internet della scuola. Studenti, genitori, docenti possono accedere ad orario delle lezioni, registro elettronico, cloud, posta elettronica con un solo tasto dal loro cellulare. L’App è attiva da questi giorni. La Web App, così l’hanno chiamata gli studenti-innovatori, è scaricabile in pochi secondi con il Qrcode fornito dalla scuola. Poi tutto è facile e immediato come deve essere per la nuova generazione 2.0. che nel telefonino ha tutto ciò che serve. E’ così che la scuola del futuro ancora una volta non dipende dai finanziamenti del Ministero ma dall’ingegno e dall’iniziativa degli studenti. Loro sono Matteo Zamuner, Mattia Prà, Matteo Grazioso hanno 18 anni appena compiuti e frequentano la quinta B e C dell’indirizzo informatico del l’Itis. L’App nasce dalle loro abilità di programmatori tutt’altro che in erba, da ore di lavoro al computer oltre le lezioni in classe, dagli input raccolti dall’esperienza di stage in azienda e dall’estro tecnologico. “E’ un lavoro che abbiamo iniziato alcuni mesi fa _ spiega Matteo Zamuner _ proprio perché non ci piaceva né la grafica né la funzionalità del sito internet della nostra scuola. Così abbiamo ideato l’app scaricabile dal server gratuito herokuapp”. Ma non basta. Ora il gruppo alunni i-tech del Planck sta lavorando alla bacheca on-line e al date-base per effettuare sondaggi. Mattia Prà è esperto in grafica, Matteo Grazioso in comunicazione e Matteo Zamuner è un programmatore java di tutto rispetto. Insomma quanto basta per fare innovazione dentro e oltre la scuola. La Web App è stata approvata dall’Istituto e promossa come strumento utile ed efficace per avvicinare soprattutto i giovani utenti alla propria scuola. E a pochi giorni dal suo lancio è già sul cellulare dei 1300 alunni del Planck, oltre che degli insegnanti naturalmente.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento