Col San Martino, diciannove lampioni a led per illuminare via Canal Nuovo

Iniziati lunedì 26 ottobre i lavori per la nuova illuminazione pubblica nella frazione di Farra di Soligo. Quindici lampioni in parte danneggiati saranno sostituiti

Lampione a led (Foto d'archivio)

Sono iniziati lunedì mattina, 26 ottobre, i lavori per la nuova illuminazione pubblica di via Canal Nuovo a Col San Martino. Attualmente il tratto dell'intervento è di circa 630 metri in lunghezza, illuminato da 15 lampioni ormai obsoleti, molti dei quali danneggiati. Si tratta di lampioni a vapori di mercurio con numerosi supporti usurati e sprovvisti, in gran parte, della messa a terra.

Il sindaco Mattia Perencin commenta: «Con questo intervento si interverrà dall’intersezione di Via Canal Vecchio su via Canal Nuovo fino al confine nord del Comune di Farra di Soligo con la posa di 19 lampioni a led e 2 punti luce con ottica per attraversamento pedonale. In questo primo anno di mandato abbiamo investito molto nell’implementazione dell’illuminazione pubblica dove mancante e la sostituzione di quella vecchia con tecnologia a led come in via dei Patrioti, via San Francesco, via Croda, via Sante Dorigo. Purtroppo abbiamo ancora molte situazioni precarie ma confidiamo in questi anni di apportare costantemente migliorie nell’ambito del risparmio energetico e della pubblica amministrazione» chiude il sindaco di Farra di Soligo. Il lavoro di via Canal Nuovo è stato possibile da un contributo statale di 70mila e da 28mila euro da fondi comunali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento