menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lavori in centro città (Foto tratta da Google Immagini)

Lavori in centro città (Foto tratta da Google Immagini)

Lavori pubblici: in un anno oltre 400 interventi a Montebelluna

L'amministrazione comunale ha diffuso nelle scorse ore i dati relativi ai lavori pubblici eseguiti nel 2018. Un numero destinato a salire a quota 800 contando tutti gli interventi

Nel 2018 sono stati oltre 400 gli interventi eseguiti dal personale tecnico e manutentivo del Comune di Montebelluna, inquadrato nel servizio gestione del territorio.

A questi interventi di tipo ordinario, messi in programma anche sulla base delle richieste dei cittadini provenienti tramite segnalazione, si aggiungono una serie di servizi relativi alle numerose manifestazioni che si tengono in città (come l’allestimento di palchi, la disposizione logistica delle transenne): 29 sono quelli eseguiti per manifestazioni in giorni feriali e festivi extra orario di lavoro, 169 quelli eseguiti per allestimenti, trasporto, ritiro di materiale in occasione di manifestazioni varie. Si aggiungono poi 184 interventi urgenti extra eseguiti in reperibilità per chiudere le buche, ripristinare le strade dopo i sinistri stradali, aggiustare l’illuminazione e 3 interventi urgenti per neve e ghiaccio. In totale, sono circa 800 quindi le azioni effettuate con ordine di servizio, dato che non tiene conto delle piccole manutenzioni che vengono eseguite di prassi. 

Spiega l’assessore ai lavori pubblici Michele Toaldo: «I nostri uffici tecnici e la squadra degli operai hanno ricevuto circa 1.108 telefonate e sono stati ricevuti per informazioni ben 317 cittadini. Insomma, si è fatto uno sforzo notevole per garantire le risposte adeguate alle richieste più diverse». Commenta il sindaco, Marzio Favero: «Ringrazio sinceramente il personale tecnico e gli operai comunali per il lavoro prezioso che portano avanti ogni santo giorno per garantire una adeguata cura a quella macchina complessa che chiamiamo città. Negli anni segnati dai tagli ai bilanci comunali, il loro impegno e la loro professionalità hanno consentito di far fronte, nonostante le risorse ridotte, alle emergenze manutentive degli edifici pubblici, delle strade, dei marciapiedi e della rete di illuminazione pubblica. E altrettanto importante è il servizio che hanno garantito per gestire la logistica degli eventi culturali e delle principali manifestazioni che animano la vita della comunità, di cui loro sono un motore fondamentale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento