Offese choc su Facebook contro Liliana Segre: trevigiano sotto accusa

Una frase gravissima accompagnata dall'immagine di un forno. Il commento di M.S. utente Facebook residente a Mogliano Veneto sta indignando l'Italia intera. Presentato un esposto

In foto Liliana Segre

«Potrebbe stare a casetta». Una frase agghiacciante, accompagnata dalla foto di un forno, all'indirizzo di Liliana Segre. Questo quanto accaduto su Facebook dove, fra i tanti 'haters' presenti nei commenti alle notizie sulla scorta per la senatrice a vita, un uomo originario di Mogliano Veneto si è distinto per l'orrore e la ferocia delle parole sotto a un post di Fanpage.

segre_comm_fb-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Troppo anche per gli utenti del social che lo hanno duramente contestato e troppo per Cathy La Torre, avvocata, attivista Lgbt e anima di 'Odiare ti costa'. Che ora promette di attivarsi affinché quel commento e quella foto non restino impuniti. «Con te - scrive l'avvocata su Facebook rivolgendosi direttamente all'autore del commento - faremo tutto quanto in nostro potere perché la Giustizia italiana non lasci correre questo orrore. E si dimostri implacabile, giusta, dalla parte delle vittime e dello Stato. Questa notte - spiega ancora - non ho dormito per approfondire la giurisprudenza in materia e preparare tutto. Oggi stesso partirà tutto. Quello che hai fatto - ricorda quindi Cathy La Torre - non è stato esprimere un pensiero: ma commettere un reato, gravissimo. Punito dalla Legge Reale - Mancino. Per quel reato sono previste pene gravi, soprattutto se il tuo odio razzista è veicolato in luoghi accessibili a molti. E Fanpage, di utenti, ne ha 8,2 milioni - e ancora - Liliana Segre potrebbe essere una tua sorella maggiore. Colpevole di nulla. A cui auguri di morire non in un modo qualsiasi, ma in un modo strettamente legato alla persecuzione razziale di cui gli ebrei sono stati vittime. E tutto questo è di una violenza, di una crudeltà, di una ferocia senza pari. Ma oggi - conclude l'avvocata e attivista - mi sento solo di dirti #odiareticosta». Intanto Odiareticosta, come si legge su Facebook, «sta presentando esposto alla Procura di Treviso per propaganda di idee fondate sulla superiorità e sull'odio razziale o etnico nei confronti dell’autore di questo commento. È libertà di espressione? No, la Legge Reale - Mancino lo chiama reato d’odio. Oggi rischiamo di dimenticare la differenza, e questo può mettere seriamente in crisi la nostra democrazia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento