La storia di Diana, il cucciolo orfano salvato da una canzone dei Lost

Dopo la morte del suo padrone, era rimasta a vegliare, da sola, la sua tomba. Ma rischiava di morire di stenti: senza più dimora né proprietario, la cucciola è stata portata al canile, dove era destinata a rimanere sola

Dal videoclip musicale all’adozione: i Lost raccontano la storia (a lieto fine) del cagnolino che vegliava la tomba del padrone e ripreso nel video che ha registrato centomila visualizzazioni in poche ore. Walter Fontana, frontman della band: “Siamo sensibili al tema”. Il prossimo live (con due nuovi cuccioli da adottare) il 13 luglio a Conscio, nel Trevigiano. Il tema dell’abbandono degli animali, soprattutto nella stagione estiva, è uno dei più dolorosi che popolano la cronaca quotidiana. Un fenomeno purtroppo che non accenna a diminuire, l’associazione animalista Lav riporta dati sconcertanti: stima che ogni anno in Italia siano abbandonati una media di 80.000 gatti e 50.000 cani, più dell’80% dei quali rischia di morire in incidenti, di stenti o a causa di maltrattamenti.

Ed ecco la storia triste (ma dal finale felice) di Diana, un bellissimo cane di due anni rimasto orfano l’inverno scorso. Diana, dopo la morte del suo padrone, era rimasta a vegliare, da sola, la sua tomba. Ma rischiava di morire di stenti: senza più dimora né proprietario, la cucciola è stata portata al canile, dove era destinata a rimanere sola. Ma ecco che a correre in suo aiuto sono arrivati, quasi per caso, i Lost, la band vicentina capitanata da Walter Fontana, che sensibili all’argomento e grazie all’aiuto dell’associazione vicentina “I pelosetti di Silvana Onlus”, hanno deciso di far partecipare Diana nel video del loro nuovo singolo “Una canzone buona”, rilasciato a fine maggio.

«Il nostro obiettivo è stato quello di sensibilizzare la gente sul grave problema dell’abbandono degli animali -spiega Walter Fontana- Io stesso ho adottato alcuni animali vittime di abbandono e spero che questa idea faccia oltre che riflettere anche e soprattutto agire». Nel video di “Una canzone buona” Diana indossa una pettorina verde che riporta questa frase: “Sono da adottare, per favore adottami”. Il video ha superato le 100.000 visualizzazioni su YouTube in poche ore, tra i fan è scattata una sorta di gara di solidarietà e alla fine sono fioccate le richieste di adozione. La missione solidale ha avuto successo: adesso Diana vive in casa di una signora di Padova.

Peraltro, la band in questo periodo sta anche iniziando una serie di live per promuovere il ritorno sulla scenda dopo una decina di anni di pausa. Il primo concerto è fissato il prossimo 13 luglio al Subconscio Festival di Conscio, nel Trevigiano. Anche in quell’occasione i Lost porteranno avanti la campagna contro l’abbandono degli animali, dando visibilità ad altri cani in cerca di adozione. Inoltre, lì ci sarà la possibilità di conoscere, aiutare e magari diventare volontari dell’associazione stessa.

unnamed(1)-122-116

Potrebbe interessarti

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Cena di sushi, 12 intossicati: isolati due focolai di gastroenterite

  • Cane abbandonato sotto il ponte di Segusino: trovato il proprietario

I più letti della settimana

  • Morto in mare a Jesolo: indagati due bagnini

  • Autostar vende a prezzo ridotto le auto danneggiate dal maltempo

  • Tumore incurabile, il sorriso di Tiziana si spegne a soli 44 anni

  • Jesolo: trovato senza vita il ragazzo disperso in mare

  • Trascinate dalla corrente: due sorelle rischiano di annegare nel Piave

  • Infarto in casa, 50enne ricoverato in fin di vita

Torna su
TrevisoToday è in caricamento