rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Attualità Sant'Antonino

Addio a Luigi Regini, il "mago delle auto" di Sant'Antonino

Aveva 92 anni. Nato nel 1928 a Meduna di Livenza, nel 1952 era partito per l'Australia. Rientrato in Italia aveva aperto la sua celebre autofficina di fianco a casa. Sabato 25 settembre i funerali

Avrebbe compiuto 93 anni il mese prossimo e, fino a dieci giorni fa, era impegnato in lavori di giardinaggio e riparazioni ma anche nelle tante attività di supporto alle famiglie del territorio alle quali non ha mai negato una mano per qualche lavoretto domestico.

Si è spento improvvisamente lunedì 20 settembre, nella sua casa di Sant'Antonino a Treviso, Luigi Regini, per oltre 30 anni il “mago” delle auto del quartiere. La sua autofficina meccanica era il punto di riferimento per tutti gli automobilisti della zona ma anche per gli appassionati delle auto d'epoca che lui sapeva far ritornare, grazie alla sua grande passione per i motori, all'antico splendore. Nato nel 1928 a Meduna di Livenza, Luigi Regini, nel 1952, è partito per l'Australia. È stato uno dei tanti emigranti italiani andati a lavorare a Melbourne. Lì ha portato le sue abilità di meccanico. Rientrato nel 1961 a Treviso si stabilisce a Sant'Antonino dove ha vissuto fino al giorno del decesso nell'abitazione adiacente alla sua autofficina.

«È sempre stato a disposizione di tutti - raccontano le figlie - non diceva mai di no nessuno. Un lavoratore instancabile conosciuto da tutti perché per lui non esistevano problemi, esistevano solo soluzioni. Non ha mai fatto un giorno di ferie o un viaggio; il suo tempo l'ha sempre dedicato ad aiutare il prossimo spesso senza chiedere nulla in cambio se non un “grazie”, e alla sua famiglia”. Luigi Regini lascia la moglie Adriana e le figlie Loretta, Mariateresa e Rita oltre ai nipoti Daniele e Gioia. I funerali si svolgeranno sabato 25 settembre alle ore 11 nella chiesa di Sant'Antonino a Treviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio a Luigi Regini, il "mago delle auto" di Sant'Antonino

TrevisoToday è in caricamento