Lupi, Enpa: "Bene lo stop di Zaia alle uccisioni"

"Evitare l’effetto domino. Ora puntare sui metodi ecologici. Trento e Bolzano isolate, rientrino nella legalità"

TREVISO «E’ molto importante che il presidente del Veneto, Luca Zaia, che ringraziamo, non  abbia firmato la proposta di legge presentata dal suo stesso partito, che prevedeva misure di contenimento dei lupi. Con il suo stop, il presidente Zaia ha evitato un nuovo strappo alla Costituzione, dopo la brutta pagina scritta dalle province di Trento e Bolzano con le loro leggi “ammazzalupi”». Lo dichiara l’Ente Nazionale Protezione Animali sottolineando come il rifiuto di Zaia, reso noto da fonti di stampa, sia avvenuto  in concomitanza con una importante sentenza della Suprema Corte. Quella con cui è stata dichiarata l’incostituzionalità delle sanzioni per il disturbo venatorio, previste proprio da una legge regionale del Veneto, 1/2017. Insomma, con il suo gesto, il presidente del Veneto ha dimostrato senso delle istituzioni.

«Soprattutto – aggiunge Andrea Brutti, dell’Ufficio Fauna Selvatica di Enpa – è fondamentale evitare l’effetto domino dell’illegalità, con i tentativi delle Regioni “filovenatorie”, e in tempi recenti dello stesso Veneto, di usurpare competenze statali, quali appunto quelle in materia di fauna selvatica, sottratte all’autonomia legislativa regionale». Oggi, grazie all’autorevole intervento del ministro Costa e allo stop di Luca Zaia, le Province Autonome di Trento e Bolzano sono più isolate ed Enpa auspica che rientrino quanto prima nell’alveo della legalità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Ora –– conclude Brutti - si punti finalmente sui  metodi ecologici, con decisione e senza le dannose resistenze frapposte finora. Recinti mobili, cani da guardiania, ricoveri notturni degli animali, solo per citarne alcuni, sono gli unici strumenti validi per prevenire possibili conflitti tra uomini e animali. Le uccisioni, invece, oltre ad essere eticamente inaccettabili, non li risolvono ma li aggravano. Come peraltro ampiamente dimostrato dalla comunità scientifica».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento