Attualità

Istituto Maffioli, inaugurata la nuova sede: «Da ospedale a scuola in soli due mesi»

L'ex padiglione dell'ospedale San Giacomo di Castelfranco Veneto è stato riqualificato per ospitare 455 studenti in 22 nuove aule e 3 laboratori. Il sindaco Marcon: «Emergenza diventata opportunità»

L'inaugurazione della nuova sede dell'istituto

Da ospedale a scuola in soli due mesi: la nuova sede dell’Istituto “Maffioli” di Castelfranco Veneto è stata inaugurata nella mattinata di giovedì 3 giugno. L'opera è stata realizzata in poco più di 60 giorni durante l’estate 2020 da parte della Provincia di Treviso, in accordo con l’Ulss2, per garantire più spazio all’Istituto castellano. Così l'ex padiglione dell'ospedale San Giacomo, all’epoca in disuso, è diventato in pochissimo tempo una scuola moderna, funzionale, energeticamente sostenibile che sarà in grado di ospitare 455 studenti in 22 aule. Il costo complessivo dell’intervento ammonta a 2 milioni 710mila euro.

maffioli1-2

All'inaugurazione sono intervenuti il presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon, il prefetto di Treviso, Maria Rosaria Laganà, la dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale, Barbara Sardella, la parlamentare Sonia Fregolent, il parlamentare Giuseppe Paolin, il consigliere regionale, Nazzareno Gerolimetto, la vicesindaco di Castelfranco Veneto, Marica Galante, il dirigente dell’Ipsseoa "Maffioli", Nicola Zavattiero. Dopo la benedizione di Don Dionisio Salvadori, il taglio del nastro accompagnato dagli alunni del Conservatorio "Steffani" di Castelfranco Veneto, Anna Girardi, Joseph Ferraro e Daniele Falco diretti dal maestro Giuseppe Falco. Gli studenti del “Maffioli” hanno curato accoglienza e ristoro per gli ospiti. «Quando si dice che dalle emergenze nascono le opportunità, questa scuola ne è la dimostrazione - le parole di Stefano Marcon, presidente della Provincia di Treviso e sindaco di Castelfranco - quello che è stato fatto qui è un piccolo miracolo, reso possibile da tutti quanti hanno lavorato giorno e notte per arrivare all’obiettivo. In questo modo, in accordo con l'Ulss 2, abbiamo riqualificato un edificio rendendolo anche sostenibile a livello energetico, offrendo a 455 studenti una scuola moderna, sicura e in pieno centro».

conservatorio1-2

La nuova sede

La nuova sede conta 22 nuove aule, 3 laboratori, 1 Sala insegnanti, 3 uffici e 4 archivi/deposito che possono ospitare 455 studenti. I lavori della nuova sede erano iniziati a fine luglio 2020 e sono terminati a ottobre 2020, giusto in tempo per l’inizio delle lezioni. Ditta affidataria: Ase Spa di Udine con Engie Servizi di Roma, lavori eseguiti dalla Fass Srl di San Vito al Tagliamento, progettista e direttore dei lavori Dario Gambarotto. Caratteristiche tecniche: 4.202 metri quadri complessivi di struttura (piano interrato, piano rialzato e 1° piano) e spazi esterni. La proprietà dell'immobile è dell'Ulss 2 Marca Trevigiana, concesso alla Provincia di Treviso in comodato d'uso gratuito 6 anni con possibilità di rinnovo per altri 6 anni. I lavori sono stati eseguiti a cura e a carico della Provincia di Treviso e sono a scomputo del canone. Un edificio sostenibile: Oltre ai lavori manutentivi, strutturali, edili e di impiantistica sono stati realizzati: isolamento termico delle pareti esterne (cappotto termico), sostituzione di tutti gli infissi esterni con serramenti performanti, nuova installazione di caldaia a condensazione ad alto rendimento e totale rifacimento degli impianti idraulico ed elettrico, installazione di luci a led in tutti gli spazi scolastici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Istituto Maffioli, inaugurata la nuova sede: «Da ospedale a scuola in soli due mesi»

TrevisoToday è in caricamento