Malattie rare, l'ospedale Ca' Foncello di Treviso sempre più affermato in Italia

La struttura diretta dal professor Carlo Agostini è ormai un punto fermo per la sanità nazionale, con pazienti che giungono appositamente nella Marca da tutte le regioni

TREVISO Sempre più affermato, l’ospedale di Treviso, per la cura delle malattie rare. Per la cura delle IPD (Immunodeficienze Primitive) un gruppo di pazienti friulani ha scelto il centro per le malattie rare del sistema immunitario presso la Prima Medicina del presidio ospedaliero di Treviso. Per raggiungere l’ospedale trevigiano di Ca’ Foncello, si sono organizzati insieme e in collaborazione con l’associazione dei pazienti, hanno noleggiato un pullmino. In dieci venerdì hanno sostenuto la prima visita presso la struttura diretta dal professor Carlo Agostini, tra le principali in Italia per la cura delle immunodeficienze primitive e secondarie.

“Le immunodeficienze devono essere seguite presso un centro con una rilevante esperienza specialistica – sottolinea Andrea Gressani, vicepresidente nazionale dell’Associazione Immunodeficienze Primitive (AIP) e uno dei pazienti giunti a Treviso - Questo perché possano essere gestite sfruttando aggiornamenti e contatti che un centro come quello di Treviso, incluso in una rete nazionale e internazionale, può risolvere. Abbiamo avuto un incontro con il Direttore Benazzi che ha dato grande disponibilità per fruire della struttura trevigiana, avviando quindi un rapporto con il Ca’ Foncello. Grazie all’AIP le difficoltà logistiche dei trasferimenti sono state risolte con il noleggio di un pullmino”.

La scelta del gruppo friulano di pazienti conferma che la 1° Medicina dell’Ospedale Ca’ Foncello dell’Azienda ULSS 2 Marca Trevigiana rappresenta uno dei principali riferimenti per la presa in carico di pazienti con Malattia Rara Immunologica. Sono numerosissimi, infatti, i pazienti che giungono al reparto non solo dalle regioni confinanti ma da tutta Italia. “Una malattia – spiega il professor Carlo Agostini, direttore della 1° Medicina di Treviso - viene definita rara quando la sua prevalenza, intesa come il numero di casi presenti su una data popolazione, non supera la soglia stabilita dalla Unione Europea di 5 casi su 10000 persone. Può essere dovuta ad una predisposizione genetica. A Treviso, vengono seguiti pazienti provenienti da ogni parte d’Italia. Tra le patologie seguite dal reparto oltre alle immunodeficienze primitive le vasculiti, le malattie autoimmuni, le patologie autoinfiammatorie, la sarcoidosi, la fibrosi polmonare e le malattie allergiche nella loro completezza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le immunodeficienze primitive (IDP) sono malattie causate da difetti del sistema immunitario che comportano un’aumentata suscettibilità alle infezioni. Alcune hanno trasmissione ereditaria e in questo caso si manifestano nei primi mesi dopo la nascita, ma la maggior parte dei pazienti seguiti al Ca’ Foncello sono adulti che presentano difetti immunologici che non riconoscono una base genetica. Sin dall’esordio coloro che ne soffrono presentano un’aumentata predisposizione ad infezioni da germi normalmente innocenti ma che sono potenzialmente pericolosi per il paziente. La prognosi delle immunodeficienze primitive pertanto non può essere generalizzata e varia a seconda del tipo di alterazione immunologica oltre che dalle prospettive terapeutiche e dalla gravità delle complicanze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Supermercato troppo affollato, scatta la chiusura per cinque giorni

  • Coronavirus, ecco tutti i check-point per la consegna delle mascherine della Regione

  • Coronavirus, scomparso storico commerciante di ricambi d'auto

  • Coronavirus, addio al maestro di sci Silvio Baratto

  • Coronavirus, ecco l'elenco di tutte quelle attività che restano aperte post Decreto

Torna su
TrevisoToday è in caricamento