rotate-mobile
Attualità Centro / Viale Trento e Trieste

Marcia per il clima al via, studenti bloccano la strada: striscioni contro il Mose

Venerdì mattina è partito pochi minuti dopo le nove il grande corteo del movimento Fridays for future al quale hanno preso parte centinaia di studenti. Centro storico blindato

E' partito pochi minuti dopo le 9 di mattina il quarto sciopero globale per il clima organizzato a Treviso dal movimento Fridays for future. Prima di partire i manifestanti hanno bloccato la strada davanti alla stazione dei treni di Treviso in segno di solidarietà verso tutte le città colpite in questi giorni dal maltempo. Cori e striscioni contro il Mose, definito dai manifestanti «simbolo di corruzione e di una grande opera inutile e dannosa che devasta i nostri territori». La protesta andrà avanti almeno fino a mezzogiorno con un corteo pronto a invadere strade e piazze del centro per arrivare in Piazza dei Signori dove la protesta raggiungerà il suo apice in tarda mattinata.

La protesta davanti ai negozi

Nel giorno del Black Friday il corteo dei giovani ambientalisti si è soffermato davanti ai negozi delle grandi firme trevigiane. Molte attività hanno provato a tutelarsi bloccando le porte d'ingresso ma il danno economico nella grande giornata dei saldi si prospetta piuttosto ingente a causa del passaggio del corteo ambientalista. Il punto vendita Benetton è finito nel mirino della protesta con un simbolico sit in davanti all'ingresso del negozio.

WhatsApp Image 2019-11-29 at 09.43.07-2

marcia-clima-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marcia per il clima al via, studenti bloccano la strada: striscioni contro il Mose

TrevisoToday è in caricamento