Sirti, cantiere fermo dopo l’annuncio degli esuberi

A Mareno di Piave inizia la protesta dei lavoratori, massiccia l’adesione allo sciopero. Le prime tre ore di sciopero e il blocco degli straordinari. Venerdì 22 un’altra ora di stop

Il presidio dei lavoratori Sirti

Si sono consumate oggi, mercoledì 20 febbraio, le prime tre ore di sciopero delle quattro annunciate i giorni scorsi dalle Rsu aziendali e dai sindacati dei metalmeccanici della Marca. L’ultima ora di sciopero è prevista per venerdì 22 febbraio a fine turno. Inoltre, nel corso dell’assemblea dei lavoratori, che ha avuto luogo sempre questa mattina nello stabilimento di Mareno di Piave, si è deciso unanimemente anche per il blocco degli straordinari. Divampa la protesta dei dipendenti della Sirti - ditta leader in Italia nel settore delle istallazioni e manutenzioni di reti telefoniche e ponti radio - dopo l’annuncio di 883 esuberi sui 4mila lavoratori in tutto il territorio nazionale, un taglio in Triveneto di circa un quinto della forza lavoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Massiccia la partecipazione all’assemblea e l’adesione allo sciopero di tre ore di questa mattina, con un presidio che ha visto protestare ai cancelli della Sirti più di un centinaio di dipendenti -ha detto Claudia Gava della FIOM CGIL di Treviso- Alla mobilitazione hanno infatti preso parte oltre a operai e impiegati anche i lavoratori somministrati, diversi in scadenza di contratto. L’annuncio della volontà di aprire la procedura di licenziamento collettivo è arrivata come una doccia fredda, perché il lavoro, in particolare in questo territorio, non manca. Una decisione inaccettabile che ci ha portato all’immediata mobilitazione dei lavoratori e alla richiesta di un tavolo di confronto al Ministero dello Sviluppo Economico per ricevere chiarimenti e risposte. Non staremo fermi siamo pronti a continuare sulla strada della protesta». Venerdì un’altra ora di sciopero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento