Coronavirus, continua la distribuzione delle mascherine a Castelfranco

Il sindaco Stefano Marcon informa i cittadini sugli ultimi aggiornamenti relativi alla consegna delle mascherine in città e ringrazia Protezione civile e volontari

In foto un mezzo della Protezione civile di Castelfranco Veneto

Procede a spron battuto la distribuzione delle mascherine nel Comune di Castelfranco Veneto. I cittadini stanno ricevendo le mascherine della Regione con la consegna porta a porta, secondo i protocolli provinciali previsti di una mascherina per persona.

Questa la dichiarazione del sindaco, Stefano Marcon:«Ringrazio la Protezione civile, tutti i gruppi frazionali e le associazioni di volontariato che rappresentano i quartieri per l’encomiabile disponibilità e per essersi prontamente attivati nel servizio. In questa fase emergenziale, chiedo però a tutti pazienza perché la produzione, la fornitura e la distribuzione richiedono necessari tempi tecnici. Ribadisco che la mascherina che stiamo distribuendo non è un dispositivo medico ma una prima ed utile difesa per poter spostarsi da casa e fare, ad esempio, la spesa. Ma se non strettamente necessario non si deve uscire da casa soprattutto in questi giorni in cui l’epidemia sta raggiungendo il culmine. Ad oggi abbiamo distribuito i kit a Sant’Andrea O.M., Treville, Salvatronda, Quartiere Avenale e Campigo. Domani sarà interessato S. Floriano e domenica i Due Mulini. Man mano che giungeranno altre mascherine dalla Protezione Civile di Treviso, proseguiremo con il resto del Territorio. In parallelo, lavorando in un doppio binario, stiamo dotando di presidi i soggetti deboli delle case di riposo ed i disabili. Tutti i cittadini avranno la loro mascherina e se ci saranno situazioni particolari daremo una pronta soluzione per un bel lavoro di squadra».

Attivato il numero verde per le informazioni

L’amministrazione comunale di Castelfranco ha attivato, dalla giornata di ieri, il servizio Coronavirus - Il Comune risponde, studiato per offrire alla cittadinanza un supporto di informazione telefonica in materia di Covid-19.

«Questa battaglia – dichiara il sindaco, Stefano Marcon – la vinceremo insieme se rispettiamo tutte le disposizioni e se rimaniamo correttamente informati, senza cadere nei tranelli di fake news e social con i suoi post virali. Il servizio va anche in questa direzione con l’imperativo che ribadisco, ora più che mai, di rimanere a casa senza se e senza ma!». Il servizio è già accessibile chiamando il numero telefonico *0423.735502* e sarà attivo per l’intera settimana, dal lunedì al sabato, senza soluzione di continuità, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, fino a data da destinarsi. Gli addetti al servizio – che verrà attuato anche grazie alle prestazioni di collaboratori in “lavoro agile” - hanno il compito di dare ai Cittadini (ed a chiunque necessiti di chiarimenti nell’ambito del territorio comunale) le informazioni corrette sui comportamenti da tenere e le modalità per affrontare l’emergenza da coronavirus. «Con il susseguirsi di decreti ed ordinanze – spiega il vicesindaco, Gianfranco Giovine che detiene la delega al personale - stiamo ricevendo molte richieste di chiarimento da parte dei Concittadini su cosa possono e non possono fare, in particolare riguardo agli spostamenti e più in generale sui comportamenti nella vita sociale ora quanto mai limitata. Per dare risposte rapide e puntuali, dando oltremodo un supporto alla Polizia Locale subissata di richieste, abbiamo attivato questo servizio insieme allo staff comunale che risponde ad un Funzionario delegato e al Segretario comunale quale responsabile del personale». Al servizio telefonico è inoltre affidata, in sinergia con l’ufficio stampa del Comune, la pubblicazione e la divulgazione con i mezzi che verranno ritenuti opportuni di comunicati ed informazioni sul tema, nonché la pubblicazione delle relative news nel sito del Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • A Monastier il primo punto tamponi privato: «Accesso senza prenotazione»

  • Incidente mortale in Treviso Mare: motociclista muore a 61 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento