Coronavirus, dalla provincia di Monza 5mila mascherine per agenti e volontari

Lunedì pomeriggio, dopo una lunga attesa, sono arrivati in Veneto i dispositivi di protezione acquistati da un'azienda di Monza. Serviranno gli agenti di Treviso, Padova e Venezia

Il momento della consegna delle mascherine a Camposampiero (Foto di Padovaoggi)

E' stata un'Odissea, ma ora un piccolo sospiro di sollievo arriva da Camposampiero. Alle ore 17 di lunedì 23 marzo la Protezione civile di Lissone (Comune della provincia di Monza) ha scortato il camion che ha consegnato cinquemila mascherine poi distribuite fra le province di Padova, Treviso e Venezia.

L'acquisto

I dispositivi sono stati acquistati dalla Federazione dei comuni del Camposampierese, dal comune di Vedelago (Treviso), dal Corpo intercomunale di San Biagio di Callalta, Monastier e Zenson di Piave (Treviso), dai comandi di polizia municipale di Breda di Piave (Treviso) e Mira (Venezia) e dal Distretto di polizia locale Veneto Est. Tutti gli attori in gioco hanno ordinato le mascherine Ffp2 da una ditta di Monza per destinarle agli agenti e ai volontari della protezione civile che quotidianamente sono impegnati sul territorio nelle operazioni di contrasto del Coronavirus.

Ordine rimandato

L'ordine risaliva alla settimana scorsa, ma riuscire a entrare in possesso di prodotti è stato quanto mai arduo: «La consegna è stata ritardata e procrastinata più volte perché le mascherine venivano contingentate per fronteggiare l'emergenza dando giustamente assoluta priorità a ospedali e polizia - spiegano dalla Federazione - Tuttavia anche gli agenti e i volontari che ogni giorno mettono a repentaglio la propria sicurezza per i cittadini e garantire il rispetto delle ordinanze devono essere tutelati».

La consegna

L'attesa è terminata nel tardo pomeriggio di lunedì quando nella sede del comando di Camposampiero è arrivato un mezzo dell'azienda monzese scortato dalla protezione civile di Lissone, dove le mascherine Ffp2 sono poi state smistate e consegnate ai rappresentanti delle diverse istituzioni acquirenti. «Tutto ciò è stato possibile grazie al lavoro di squadra, fondamentale in particolare in questi momenti difficili - ha commentato di direttore della Federazione, Anna Maria Giacomelli - Solo insieme possiamo sconfiggere questo nemico subdolo e invisibile. Un ringraziamento particolare va alla protezione civile di Lissone».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento