Maserada sempre più solidale con i cittadini: la Giunta fa visita all'Avis

“L’invito a donare è per dare un esempio a tutti i cittadini in un periodo, come quello estivo, in cui la necessità di sangue aumenta"

Un momento della donazione dei consiglieri

L’intera giunta comunale di Maserada, guidata dal sindaco Lamberto Marini con tanto di fascia tricolore, il capogruppo di minoranza ed ex sindaca Anna Sozza e consiglieri di minoranza e maggioranza, si è presentata sabato mattina all’Avis di Maserada. Non erano lì per una festa sociale, ma su invito dell’Avis comunale per diventare donatori nella giornata dedicata alle nuove idoneità. Chi donatore lo era già, ha invece “supportato” i colleghi aspiranti che si sono sottoposti agli esami. Su 13 consiglieri e assessori, cinque si sono stesi sui lettini per il primo prelievo di alcune provette e - passati tutti gli esami di laboratorio di legge - verranno chiamati già dalla prossima tornata di prelievo prevista per il 31 ottobre. Ad accogliere i nuovi, i già donatori o chi non poteva donare per raggiunti limiti di età, c'erano il Presidente di Avis Maserada Nello Baro, la consigliera regionale Avis Daniela Moro e tutto lo staff, per la maggior parte formato da giovani, che a ogni giornata dedicata alla donazione svolge servizio dalle 7 di mattina fino a pomeriggio inoltrato. Il tutto si è svolto rispettando le stringenti norme anti-Covid.

Piccola deroga per le foto di gruppo, ma tutti muniti di mascherina anche all’aperto. A tutti gli aspiranti donatori sono state, tra l’altro, donate le nuove mascherine di Avis nazionale che invitano alla donazione di plasma, “firmate” Avis Maserada. In distribuzione anche il periodico regionale di Avis regionale “Dono&Vita” con un’ampia inchiesta proprio sul “pianeta plasma”. Le nuove idoneità complessive sono state 11, comprese le cinque dell’amministrazione. Domenica 2 agosto, invece, giornata di donazioni “normali” per i circa 35 donatori periodici che si sono già prenotati. “L’invito a donare anche per i rappresentanti eletti dalla cittadinanza, senza distinzioni - dicono soddisfatti all’Avis di Maserada - era per dare un esempio a tutti i cittadini in un periodo, come quello estivo, in cui la necessità di sangue aumenta anche per la ripresa degli interventi chirurgici dopo l’emergenza Covid. Ringraziamo tutti i componenti della giunta e i consiglieri di minoranza e maggioranza di aver risposto così entusiasticamente al nostro appello”.

P8010027-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: cos'è il saturimetro e perchè potrebbe salvarti la vita

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento