Matrimonio con un invitato positivo al Covid: 20 trevigiani in isolamento

L'annuncio del Governatore del Veneto, Luca Zaia, durante il punto stampa di mercoledì 10 giugno. Le nozze sono state celebrate nei giorni scorsi a Bologna ma la sposa era trevigiana

Coronavirus, le persone in isolamento in Veneto sono salite a 878, venti in più rispetto a ieri, martedì 9 giugno. Il motivo di questo aumento improvviso l'ha spiegato il Governatore della Regione, Luca Zaia, nel punto stampa di mercoledì 10 giugno.

«Queste 20 persone erano andate a un matrimonio a Bologna. Abbiamo dovuto mettere in isolamento un nucleo familiare allargato perché in quel matrimonio abbiamo avuto notizia dall'Emilia-Romagna che alla cerimonia c'era un invitato positivo al Coronavirus». Le persone finite in quarantena fanno tutte parte della cerchia di familiari e conoscenti della sposa, originaria della provincia di Treviso. Dai controlli è emerso che l'invitato positivo al Covid-19 non era veneto. I partecipanti trevigiani però, pur non essendo risultati positivi al virus, sono stati messi in isolamento fiduciario, aumentando i numeri delle persone in isolamento che, ormai da settimane, erano in calo costante. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

  • Covid, Zaia: «Treviso è in area critica per i ricoveri ospedalieri»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento