rotate-mobile
Attualità Asolo / Piazza Giuseppe Garibaldi

Pasqua ad Asolo, torna il mercatino dell'antiquariato

Sabato 8 e domenica 9 aprile in Sala della Ragione la preziosa “Mostra-Mercato del Libro e della Stampa Antichi”, in collaborazione con l’Archivio Storico. Domenica le bancarelle dell’Antiquariato in piazza

Il mondo dell’antiquariato è sempre un’occasione culturale molto importante per le sinergie e il proseguimento della memoria storica nelle comunità contemporanee. Asolo, da un ricco e glorioso passato, è diventata nel tempo sempre più un punto di riferimento per importanti iniziative culturali. In questo contesto, sabato 8 e domenica 9 aprile si terrà presso la Sala della Ragione la prestigiosa “Mostra-Mercato del Libro e della Stampa Antichi”, abbinata ad un percorso tra i materiali conservati nell’Archivio Storico di Asolo. Orari di apertura: sabato 8 dalle 10 alle 17 e domenica 9 dalle 9 alle 17.

La mostra mercato

Avviata negli anni Ottanta dallo storico Mario Vignola, la Mostra-Mercato è stata ripresa alla metà degli anni Novanta dal collezionista Lanfranco Cannelli. L’esposizione è a ingresso libero e gratuito e offrirà, in collaborazione con l’Archivio Storico presso il Palazzo della Ragione del Comune di Asolo, una vasta scelta di manoscritti miniati, incunaboli, testi scientifici e di architettura, cartografia veneta e incisioni dal XVI al XIX secolo. L’evento espositivo offre un interessante momento di scambio bibliografico. Vengono inoltre allestite una mostra di documenti rari provenienti dall’Archivio Storico di Asolo e un’esclusiva esposizione del più esteso e monumentale panorama di tutti i tempi di Venezia e della sua laguna. L’opera, unica nel suo genere e composta da sette grandi tavole per un’estensione complessiva di oltre undici metri, è stata progettata e realizzata da Gilberto Padovan editore per un’estensione complessiva di oltre undici metri.  L'iniziativa rappresenta quindi un’occasione preziosa per portare “fuori di sé” l’Archivio Storico che per sua natura e obiettivi è un luogo di conservazione, ricerca e studio. Incisioni e documenti antichi raccontano così Asolo in un breve percorso tra manoscritti, mappe e disegni. Esposti pezzi unici, ognuno dei quali racconta una storia: dalle numerose famiglie asolane che partecipavano al Consiglio cittadino alla storia di Asolo antica desunta dai reperti e dalle lapidi che riaffioravano dai terreni e dall’ordinamento della vita cittadina con il Codice degli Statuti alla stori di un territorio e della proprietà terriera con le mappe del catasto asolano del ‘700. Completano l’excursus storico-documentario le tre incisioni di Sebastiano Giampiccoli (1737-1809) che rappresentano rispettivamente il territorio della Podesteria asolana che fino alla fine della Repubblica Veneta (1797) si estendeva dall’attuale Romano d’Ezzelino fino a Cornuda, la celeberrima visione di Asolo e la visione del Monastero delle monache dei Santi Pietro e Paolo. La mostra non si limita dunque a presentare al pubblico straordinarie opere raramente esposte, ma invita il visitatore a dipanare lentamente la complessa e ricca storia culturale di questa terra.

Il mercatino

Nella domenica di Pasqua, 9 aprile, la “Mostra-Mercato del Libro e della Stampa Antichi” si svolge in contemporanea con il mensile Mercatino dell’Antiquariato in piazza. La manifestazione in Sala della Ragione è organizzata dall’Associazione Culturale Asolo Arte, presieduta da Elisa Cannelli, in collaborazione col Museo di Asolo, gode del patrocinio del Comune di Asolo ed è resa possibile grazie alla sensibilità dimostrata dall’Amministrazione comunale e in particolare all’interesse dimostrato dall’Assessore alle Attività produttive Rosy Silvestrini e dalla responsabile dell’Archivio Storico Orietta Dissegna.

Il commento

«Sottolineo l’importanza del ritorno dello storico abbinamento tra il Mercatino dell’Antiquariato e la Mostra-Mercato del Libro e della Stampa Antichi - conclude l'assessore Rosy Silvestrini -. È innegabile l’orgoglio di poterlo riproporre in questa edizione pasquale del Mercatino con due giorni di mostra che vedono anche la collaborazione del nostro Archivio Storico. Esprimo in particolare il mio ringraziamento all’organizzatrice Elisa Cannelli e ad Orietta Dissegna che ha curato la parte di esposizione dedicata all’Archivio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pasqua ad Asolo, torna il mercatino dell'antiquariato

TrevisoToday è in caricamento