Primo Maggio: Zaia omaggia la figura veneta del lavoratore-imprenditore

Il messaggio del Governatore del Veneto in occasione della Festa del lavoro. Elogio importante ai tanti imprenditori che negli anni hanno lavorato per l'economia del territorio

«Una giornata come quella del primo maggio, che si celebra dal 1889, va ogni anno arricchita di contenuti e di attualità. Il primo pensiero deve quindi andare alla sicurezza e ai caduti sul lavoro, perché non si pensi che questa sfida sia vinta, in un Paese dove ancora si muore e ci si infortuna troppo lavorando».

A dirlo è il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, in una sua recente riflessione sulla Festa del lavoro. «Incidenti e lutti – ricorda il Governatore – che accadono ancora anche nella nostra Regione dove, per affrontare il problema, si sta facendo squadra tra le Istituzioni e le parti sociali, dopo aver raggiunto e sottoscritto un accordo importante, utile e concreto: un lavoro comune per andare oltre le parole e i buoni sentimenti, consci che la sicurezza sul lavoro è un fatto di civiltà assolutamente trasversale alla società e alla politica. E’ un tema che va affrontato a 360 gradi – prosegue il presidente – dal punto di vista culturale, da quello gestionale, fino al grande fronte della prevenzione. Qui in Veneto abbiamo in questo senso una doppia responsabilità, perché siamo la regione delle 600 mila partite Iva, dei lavoratori che si evolvono in imprenditori di sé stessi, degli imprenditori che erano semplici lavoratori e tali rimangono nell’anima e nel cuore anche dopo essere riusciti a creare la loro impresa, piccola o grande che sia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Se l’economia del Veneto è forte, ed è capace anche nei momenti difficili di creare benessere e ricchezza – aggiunge il Governatore – lo dobbiamo a tutti i lavoratori e a coloro che vivono di lavoro accettando la sfida dell’impresa in un sistema tutt’altro che ‘fordista’, dove l’80% delle imprese ha meno di 15 dipendenti, ma opera e prospera nell’ambito del distretto industriale delle Pmi, dove il lavoratore è spesso anche imprenditore, perché vive come sua la sfida dell’azienda. Questo è un grande valore tutto veneto che merita di essere evidenziato in occasione del primo maggio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Ecco negozi trevigiani che effettuano la consegna della spesa a domicilio

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

Torna su
TrevisoToday è in caricamento