Convegno sul contratto nazionale di lavoro per i centri di servizi per anziani pubblici

Un'occasione di fondamentale importanza prima in Italia riservata ai Centri di Servizio per approfondire, a livello regionale, il nuovo contratto firmato nel maggio scorso dopo l'accordo tra l'ARAN e le organizzazioni sindacali, un contratto nazionale che interessa 1,2 milioni di lavoratori

Un momento del convegno

Approfondire l'applicazione del nuovo contratto nazionale del comparto Funzioni Locali nell'ambito delle IPAB e dei Centri di servizi pubblici (Aziende speciali o comuni): è questo l'obiettivo del convegno che si è tenuto oggi, venerdì 1 febbraio 2019 a Mestre, nella Residenza Contarini, dalle 09.30 alle 13. L'appuntamento è stato organizzato DALL’URIPA, UNIONE REGIONALE ISTITUZIONI E INIZIATIVE PUBBLICHE E PRIVATE DI ASSISTENZA AGLI ANZIANI, su proposta del presidente Roberto Volpe, con il supporto del Centro Studi della Marca Trevigiana e la collaborazione di due IPAB venete, il Centro Anziani "Domenico Sartor" di Castelfranco Veneto e l'IRE di Venezia.

A parlare del "NUOVO CCNL DEL COMPARTO FUNZIONI LOCALI: IL CONTRATTO DECENTRATO INTEGRATIVO. PROBLEMATICHE APPLICATIVE DELLE IPAB E DELLE AZIENDE PUBBLICHE DI SERVIZI ALLE PERSONE COMPARTO FUNZIONI LOCALI", due tra i più importanti esperti in materia quali dirigenti dell'ARAN, l'Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni:

        * dott. PIERLUIGI MASTROGIUSEPPE, direttore responsabile della
Direzione studi, risorse e servizi.
        *  DOTT. ROSARIO SOLOPERTO, dirigente responsabile della Direzione
contrattazione del personale Comparto Regioni-Autonomie Locali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In particolare, i relatori si sono concentrati sugli strumenti per la corretta applicazione delle novità contrattuali, sul sistema di valutazione aggiornato al nuovo CCNL e al contratto decentrato integrativo delle IPAB e molto altro. Un'occasione di fondamentale importanza - prima in Italia riservata ai Centri di Servizio - per approfondire, a livello regionale, il nuovo contratto firmato nel maggio scorso dopo l'accordo tra l'ARAN e le organizzazioni sindacali, un contratto nazionale che interessa 1,2 milioni di lavoratori. Tra le novità economiche, l'incremento dei fondi per la contrattazione integrativa 2019, gli arretrati contrattuali per il 2016-17, un aumento medio di 85 euro in busta paga per i lavoratori di comparto e l'introduzione dell'elemento perequativo della retribuzione con valori più elevati per le categorie e posizioni economiche più basse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Vento, grandine e alberi caduti: il maltempo flagella la Marca

  • Malore al risveglio, il sorriso di Alessandra si spegne a 44 anni

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento