Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Buono libri, il ministro dell'Istruzione: "Le norme devono essere rispettate"

Inaugurato a Miane l'edificio che ospita le scuole primarie e secondarie. Al taglio del nastro, oltre al governatore Luca Zaia, anche Marco Bussetti che ha firmato un protocollo d'intesa sulla storia veneta

 

La replica del PD. «Il bonus libri è un contributo statale che la Regione poi gira ai Comuni, non sono soldi messi a disposizione dalla Giunta. La Regione dia immediata indicazione alle amministrazioni locali affinché tutte le domande vengano accettate con le autocertificazioni». È quanto torna a chiedere il gruppo consiliare del Partito Democratico a proposito del ‘caos libri’ dovuto alla documentazione aggiuntiva obbligatoria per il calcolo degli Isee imposta alle famiglie non comunitarie.  «È singolare che Zaia mentre con una mano firma un protocollo per la scuola, con l’altra rischia di lasciare senza libri di testo decine e decine di studenti. Quello che fa rabbia non è solo la xenofobia latente o palese, ma che vengano colpiti i più deboli, ovvero i bambini delle famiglie povere». «La Regione non incorra nel rischio che persone bisognose non abbiano accesso ad un diritto sociale, anche perché ha precise responsabilità. L’informazione data dalla Regione, infatti, è stata tardiva ed ambigua e c’è l’ipotesi concreta che, in mancanza delle documentazioni richieste ai cittadini non comunitari, le domande per l’accesso ai contributi vengano valutate inammissibili. Ciò significa ledere un diritto fondamentale come quello allo studio. Noi siamo pronti ad affiancare i cittadini penalizzati così come i Comuni alle prese con un aggravio di responsabilità, di cui non si faceva menzione nella delibera di Giunta né nel bando. Presidente e assessore facciano retromarcia e, piuttosto, avviino i controlli adeguati nei confronti dei beneficiari, secondo quanto previsto dalla legge e confermato da una sentenza del Tribunale di Brescia. In questo modo troveranno il pieno appoggio di cittadini e sindaci. Al contrario degli spot della Lega, che non garantiscono alcun risultato e creano ulteriore confusione, così come le modalità comunicative, imprecise, scelte dalla Regione».

«Cosa c'entra D'Alema? La norma del 1999 a cui fa riferimento la Giunta Zaia non c'entra assolutamente nulla, per l'accesso alle prestazioni sociali vale il DPCM n. 159 del 2013 che consente a ciascun ipotetico beneficiario di presentare una dichiarazione sostitutiva unica. Senza alcuna distinzione in base alla nazionalità. Lo conferma del resto la sentenza del Tribunale di Brescia del 4 febbraio 2016, dove afferma: il d.P.C.M. n. 159 del 2013 “non prevede alcuna distinzione di trattamento tra cittadini italiani e stranieri sotto tale profilo, consentendo a tutti indistintamente la possibilità di effettuare l’autocertificazione mediante la dichiarazione sostitutiva unica della propria condizione reddituale e patrimoniale anche con riferimento a redditi e patrimoni esteri”». Così il consigliere regionale Piero Ruzzante (Liberi e Uguali), dopo le dichiarazioni della Giunta regionale e di alcuni consiglieri regionali della Lega che fanno risalire l’obbligo del certificato prodotto dal Paese d’origine per i cittadini non comunitari al Decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1999, n. 394. «Quella norma non si applica al buono libri, perché si tratta di un contributo cui si ha diritto di accedere tramite la presentazione della sola dichiarazione Isee. Ora non si inventino storie, facendo il solito scaricabarile: la Giunta deve riaprire il bando e ammettere i bambini rimasti fuori, punto. Altrimenti – conclude Ruzzante – credo che i genitori dei bambini che dovessero risultare esclusi a causa della "legge razziale" della Giunta Zaia faranno bene a fare ricorso. E sono pronto a scommettere che lo vinceranno».

Potrebbe Interessarti

Torna su
TrevisoToday è in caricamento