Attualità

«Sparano vicino alle case»: blitz animalista contro i cacciatori

Militanti di "Centopercentoanimalisti", nella notte tra il 29 e 30 settembre, hanno affisso manifesti anticaccia e fortemente sarcastici in località Zerman di Mogliano, soprattutto dove di solito parcheggiano le auto i cacciatori

Un cartello imbrattato dagli animalisti

Blitz dell'associazione "Centopercentoanimalisti" a Zerman di Mogliano Veneto, nella notte, contro i cacciatori. Gli attivisti hanno affisso alcuni manifesti di scherno contro le doppiette, nei pressi del parcheggio da loro solitamente utilizzato per lasciare i mezzi prima di dedicarsi alle battute di caccia. Non è la prima volta che i cacciatori, definiti dagli animalisti, con la consueta civiltà, come dei "dementi armati, molto spesso avvinazzati e rincoglioniti", finiscono nel mirino.

Il comunicato di rivendicazione

Anche le campagne intorno a Mogliano (Treviso) sono infestate dai cacciatori, che, come al solito, sparano in ogni direzione, inquinano, lasciano tonnellate di plastica rame e piombo, invadono le proprietà private e minacciano la sicurezza di tutti. E soprattutto uccidono migliaia di Animali, dagli ultimi Uccellini rimasti in un territorio già depauperato, a Fagiani e Lepri di allevamento, praticamente domestici che non temono gli umani e non sanno nascondersi, rilasciati apposta per servire da bersaglio a questi dementi armati, molto spesso avvinazzati e rincoglioniti. Sparano vicino alle case e i pallini arrivano sulle abitazioni. Anni fa in zona Zerman a Mogliano (zona ancora tra le più frequentate dai cacciatori, le segnalazioni non si contano più) si sono sparati tra di loro, un cacciatore era stato scambiato per una Lepre (!)  da un collega, a conferma di quanto sono pericolosi. Militanti di CENTOPERCENTOANIMALISTI, nella notte tra il 29 e 30 settembre, hanno affisso manifesti anticaccia e fortemente sarcastici in località Zerman a Mogliano (Treviso), soprattutto dove di solito parcheggiano le auto i cacciatori. Già che c’erano, gli Attivisti hanno tappezzata anche un parcheggio ai limiti del Bosco di Mestre, parco pubblico dove la caccia è vietata, ma gli assassini legalizzati se ne fregano a quanto pare. I nostri militanti effettueranno ronde a sorpresa nelle zone menzionate negli orari di caccia, ribadiamo che non si contano più le segnalazioni di cittadini che vengono vessati puntualmente da questi soggetti vigliacchi e prepotenti.

Zerman-cacciatori-di-merda-4-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Sparano vicino alle case»: blitz animalista contro i cacciatori

TrevisoToday è in caricamento