menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mogliano: "L'esposto della Lega contro la tassa di soggiorno è una fake news"

Il Sindaco Carola Arena commenta così le motivazioni addotte a sostegno della falsa tesi dell’utilizzo fuori dalle norme delle somme incassate da ogni turista che è passato in città negli ultimi anni

MOGLIANO VENETO “Se deve ricorrere a fake news per fare propaganda elettorale, allora la Lega è proprio malmessa a Mogliano, Ma le bugie hanno le gambe corte e quindi si possono in breve smascherare. Del resto bastava leggere bene il bilancio del comune, se ne fossero stati capaci, per non dire e scrivere le stupidaggini che la Lega, ex sindaco compreso, hanno utilizzato nel ricorso contro l’utilizzo delle entrate per la tassa di soggiorno”. Il Sindaco Carola Arena commenta così le motivazioni addotte a sostegno della falsa tesi dell’utilizzo fuori dalle norme delle somme incassate da ogni turista che è passato da Mogliano negli ultimi anni. Perché innanzitutto è falso che sono stati utilizzati per finanziare la festa dello sport, 8.500 euro coperti attingendo ad un capitolo di spesa di contributi per attività sportive, poi perché tutte le altre iniziative i cui costi sono stati coperti con la tassa di soggiorno sono di promozione del territorio ai fini turistici ed hanno attratto a Mogliano, nel corso dell’anno, decine di migliaia di persone.

Esattamente le entrate da tassa soggiorno sono state così destinate: 22 mila euro per contributo funzionamento sportelli IAT, ufficio turismo provinciale, 9 mila per Carnevale, 1.500 per Notte dei Musei Villa Benetton, 8.500 per rassegna spumanti Bollicine, 44 mila per apertura della pinacoteca al Brolo e 2 mila per impianto di sorveglianza, 15 mila per Premio letterario Giuseppe Berto, 82 mila per rassegna estiva Metropolis (teatro, cinema, danza e musica), 15 mila per la rassegna Metropolis Natale, 5.500 per Serial Grillers, 20 mila per Festival delle Regioni, 2 mila per gemellaggio con Lisieux, 7.500 per rassegna Leguminosa, 6 mila per convenzione con Slow Food per iniziative enogastronomiche nel territorio. A queste somme si aggiungono 85 mila euro che sono stati destinati a interventi per il del decoro urbano, a miglioramento dell’immagine, della fruibilità e del gradimento della città per i turisti che decidono di pernottarvi e di visitarla.                                                         

“Tutte queste iniziative hanno lo scopo di attrarre a Mogliano nuovi visitatori, a vantaggio degli esercizi, delle strutture ricettive e delle attività commerciali, e stando ai numeri ci sono riuscite. Se avessimo girato tutte le somme spese all’OGD (organismo di gestione della destinazione) Ville Venete del Trevigiano, non ne avremmo realizzata nemmeno una, visto che ad oggi l’organismo non è ancora operativo”, commenta il Sindaco Carola Arena. Il turismo a Mogliano gravita per lo più su Venezia, per cui l’Amministrazione moglianese ha anche deciso di lavorare per legarsi ai Comuni che come quello di Mogliano lavorano in sinergia col capoluogo lagunare, in modo da poter mettere in campo misure davvero utili, e non disperdere i proventi della tassa di soggiorno, per la quale Mogliano è il primo comune della provincia di Treviso, capoluogo compreso, in iniziative che non avvantaggerebbero in alcun modo il tessuto imprenditoriale locale. “Siamo convinti che la magistratura contabile dimostrerà l’inconsistenza delle argomentazioni leghiste, e che anche i cittadini moglianesi non cadranno nell’inganno di argomentazioni false e pretestuose che i leghisti usano senza pudore e senza vergognarsi di dimostrare quanto poco ne sanno dell’amministrazione. Del resto in questi quattro anni non hanno fatto nessuna proposta concreta, solo hanno sparato a caso. Noi, invece, abbiamo pensato alla città e ai moglianesi ed è sotto gli occhi di tutti quello che siamo stati capaci di fare, nonostante il pesante fardello lasciato dalla precedente amministrazione e costato alla città molti milioni di euro”, conclude il Sindaco Arena.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

social

Le voci più belle del Festival di Sanremo sono venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento